Gabe Newell spiega perchè Valve punta al VR ma non alle console

gabe newell valve

Intervistato dai nostri colleghi di Eurogamer.net, Gabe Newell ha approfittato dell’occasione per rivelare che Valve è attualmente al lavoro su ben tre giochi per la Virtual Reality e sul perchè l’azienda sia decisa ad investirci tante risorse:

“Stiamo lavorando su tre giochi VR e non intendo esperimenti ma proprio dei giochi completi. La VR sarà un flop se gli sviluppatori si limiteranno a prendere contenuti già esistenti e aggiungere il supporto per la Realtà Virtuale. Uno dei primi esperimenti che abbiamo fatto in Valve è stato quello di rendere compatibili Team Fortress e Half-Life 2 con questa tecnologia, ma si tratta solamente di test interni. Nessuno comprerà un visore VR per guardare dei film interattivi, per rendere popolare la tecnologia è necessario qualcosa di diverso. La VR si sta muovendo in base alle nostre aspettattive e siamo consapevoli che possa rivelarsi un fallimento, in ogni caso non siamo preoccupati. Da parte nostra, speriamo che gli sviluppatori abbiano voglia di realizzare contenuti interessanti senza paura di rischiare.”

Gaben ha inoltre spiegato le motivazioni per le quali l’azienda non è tutt’ora particolarmente interessata al mercato delle console:

“Non abbiamo nulla contro Microsoft, Sony e Nintendo, davvero. Semplicemente odiamo gli ambienti chiusi. Alle volte ti trovi a dialogare con responsabili che non credono nei tuoi progetti e nelle tue strategie per promuovere al meglio i tuoi titoli, in altri casi ci sono problemi tecnici e burocratici: pensiamo alla SteamApp per iOS, abbiamo preparato il primo update il giorno dopo il lancio ma non siamo riusciti a pubblicarlo prima di sei mesi. Non sapevamo il perchè ma l’aggiornamento non poteva essere pubblicato… un bel giorno, a sorpresa, è stato reso disponibile ma noi non sapevamo nulla. Evidentemente siamo troppo stupidi per avere successo come sviluppatori di app e giochi per iOS. Non ho nulla contro il mondo console e conosco persone che fanno un lavoro straordinario in quell’ambiente. Semplicemente, non fa parte del nostro DNA e non lavoriamo bene quando qualcuno si intromette tra noi e il nostro pubblico.”

Siete d’accordo con il pensiero di Gabe Newell e di Valve? Fatecelo sapere!

Tags:

  • Alessio "AxelJaeger-XIII" Raffaelli

    Sin da quando sono venuto a contatto la prima volta con il glorioso Sega Mega Drive di mio padre sono sempre stato fermamente convinto dell'enorme potenziale del media videogioco, convizione rafforzata e consolidata negl'anni con il passaggio al mondo PlayStation e PC. Nato con gli RTS della Westwood, cresciuto con gli FPS di Guerrilla e maturato con gli RPG di Bethesda e Square-Enix, amo il retrogaming come anche il vasto mercato moderno.

  • Show Comments (0)

You May Also Like

Game Legends Awards: Gioco dell’Anno

Ed eccoci con il secondo Game Legends Awards: Gioco dell’Anno 2013. [poll id=”3″] [poll ...

Code Vein, pubblicato un nuovo video gameplay

I soulslike sono un sottogenere che, nel mercato odierno, godono di un’importanza e di ...

Presentata ufficialmente la nuova GTX 980Ti di Nvidia

Nvidia rilascia nuovi dettagli riguardanti la GTX 980Ti, l’ultima scheda grafica appartenente alla linea ...