Activision fa causa a Netflix, richiesta un'ingiunzione e danni punitivi

Activision fa causa a Netflix, richiesta un’ingiunzione e danni punitivi

Secondo quanto emerso da un recente rapporto, Activision avrebbe indetto una causa contro Netflix per aver assunto illegalmente Spencer Neumann.

  • Home
  • Games
  • News
  • Activision fa causa a Netflix, richiesta un’ingiunzione e danni punitivi
  BREAKING
PlayStation Indies: Shuhei Yoshida sarà l’host del prossimo evento
PlayStation 5 è ora più facile da acquistare in Europa, ma non ancora in Italia
L’E3 2022 si farà online? Jeff Grubb parla della presunta cancellazione
“Xbox Game Pass” di Sony offrirà i giochi dal day one? Parla Phil Spencer
GTA 5: l’update next-gen potrebbe venire nuovamente rinviato
Cyberpunk 2077: la versione next-gen sembra essere vicina
Resident Evil Outrage sarebbe stato cancellato da Capcom
Sony consiglia oltre 20 giochi da tenere d’occhio nel 2022
Castlevania: Konami da record per la prima asta degli NFT
Hogwarts Legacy starebbe per essere rinviato di nuovo
Respawn starebbe lavorando ad un nuovo FPS, ma non a Titanfall 3
Silent Hill: fan realizzano il remake in Unreal Engine 5
Super Mario: in arrivo Odyssey 2 e un nuovo gioco a tema sportivo?
PS5: futura retrocompatibilità con PS3 confermata dal PS Store?
Redfall: il gioco di Arkane potrebbe venire presto rinviato
Starfield sarebbe in sviluppo da oltre 5 anni, spuntano nuove immagini
Morto Paul McLaughlin, artista che lavorò a Fable e Dungeon Keeper
Among Us si aggiorna, confermato il crossover con Scream
PUBG: Battlegrounds, il creatore Krafton fa causa ad Apple e Google
Final Fantasy XIV tornerà presto disponibile, svelata la data
Next
Prev

Secondo quanto emerso da un recente rapporto di Deadline, Activision Blizzard avrebbe indetto una causa contro Netflix per via della recente assunzione di Spencer Neumann, chief financial officer dell’azienda statunitense produttrice e distributrice di videogiochi, prima della scadenza del suo contratto. Stando alle informazioni trapelate finora, Activision avrebbe avviato nella scorse ore una causa presso la Corte Superiore della California.

Secondo gli avvocati del colosso del settore videoludico, Neumann ha iniziato a lavorare presso la casa di Call of Duty nel maggio del 2017, con la scadenza del contratto prevista per l’aprile di quest’anno. (L’editore del gioco ha mantenuto il diritto di estenderlo di un ulteriore anno). A detta di Activision, Netflix avrebbe corteggiato l’ormai ex dipendente dalla fine del 2018. Inoltre, stando al recente rapporto, il colosso dei videogames non avrebbe chiesto alla Corte della California un’ingiunzione permanente nei confronti della società fondata da Reed Hastings e Marc Randolph (impedendo a quest’ultima di assumere altri dipendenti di Activision con contratti a tempo determinato), ma anche dei danni punitivi, con il risarcimento di una considerevole somma di denaro.

In attesa di scoprire ulteriori dettagli sulla vicenda, vi ricordiamo che venerdì 11 dicembre all’una di notte si terrà l’attesissimo evento creato e diretto da Geoff Keighley dedicato al mondo dei videogames, l’edizione 2020 dei The Game Awards, durante il quale non solo verranno premiati i migliori giochi rilasciati quest’anno per console e PC, ma sarà il palco di molti annunci importati e vedrà la presenza di molti personaggi del settore e attori illustri, come: Troy Baker, Brie Larson, Gal Gadot e Tom Holland.

 

 

Game Legends Stories

Trending
ISCRIVITI ALLA NOSTRA

Login
Loading...
Sign Up

New membership are not allowed.

Loading...