Annabelle 3 - Recensione, una bambola per nemico

Annabelle 3 – Recensione, una bambola per nemico

Il vasto genere horror è oramai stato trattato in ogni forma e dimensione immaginabile nel vasto universo cinematografico. Tra pellicole e...

  BREAKING
GTA Remastered Trilogy, il CEO di Take-Two minimizza i problemi tecnici
Pokémon diventa un FPS, fan realizzano un gioco brutale
The Wolf Among Us 2: prime foto, ecco come Telltale si è ripresa dal crollo
Fortnite: leak avrebbe rivelato le skin di Hawkeye
FIFA 22: cosa cambia l’aggiornamento 1.16 su FUT e sul gameplay
Activision Blizzard: il CEO pensò di acquistare dei siti di notizie videoludiche
Dying Light 2 rinviato su Nintendo Switch, è ufficiale
Horizon Forbidden West: nuovo trailer e dettagli sulla storia
Activision e Microsoft: L’accordo fa perdere a Sony 20 milioni di dollari
PlayStation Store: Assassin’s Creed e molto altro, le offerte della settimana
Call of Duty: come si evolverà la serie grazie a Xbox
Activision Blizzard: le novità sul metaverso dopo l’acquisizione di Microsoft
Banjo-Kazooie sarà presto gratis con Nintendo Switch Online
Convegno del senato italiano interrotto da un hentai di Final Fantasy VII
Activision Blizzard: Microsoft pagherà una fortuna se l’accordo salterà
Xbox e Activision Blizzard: tutte le IP ottenute grazie all’acquisizione
Microsoft ha comprato ufficialmente Activision Blizzard, è confermato
Xbox Game Pass da record ancora prima dell’acquisizione di Activision
I giochi Play-To-Earn “sono il futuro”, parla il co-fondatore di Reddit
Activision Blizzard produrrà solo esclusive Xbox? Arriva un chiarimento
Next
Prev

Il vasto genere horror è oramai stato trattato in ogni forma e dimensione immaginabile nel vasto universo cinematografico. Tra pellicole e sottogeneri, sul grande schermo ne abbiamo viste effettivamente di cotte e di crude, tra grandi capolavori e terribili disastri che sono andati susseguendosi di anno in anno. In un simile contesto era quindi scontato che presto o tardi il mercato sarebbe stato colpito da un violento blocco creativo, una stasi delle idee che è effettivamente arrivata e continua a manifestarsi tutt’oggi. Eppure, nel fiume in piena di pellicole che abbiamo potuto visionare, The Conjuring ha rappresentato una prima e importante boccata d’aria fresca. La creatura del regista James Wan, invece che andare a cercare nuove strade mai viste prima, puntava piuttosto a riprendere quel che tutti già conoscevamo ma rimaneggiandolo in una nuova forma, scelta rivelatasi indubbiamente vincente. La pellicola e i suoi seguiti hanno infatti saputo dar vita a un vero e proprio universo espanso dell’orrore che vede coinvolti The Nun, La Llorona e ovviamente Annabelle, con quest’ultima in particolare a rappresentarne un importante cavallo di battaglia. Siamo arrivati infatti al terzo capitolo di questa saga spin-off particolarmente apprezzata dal pubblico e Warner Bros. Italia ci ha dato l’opportunità di saggiarne l’effettiva qualità grazie a una visione in anteprima, possibilità che ovviamente non ci siamo lasciati scappare. Ora, però, è giunto il momento di dare il nostro responso finale a riguardo; Annabelle 3 riesce a mantenere intatti gli elevati standard dei capitoli precedenti?

Oscure presenze

Dopo aver ottenuto la bambola Annabelle da una famiglia che oramai da tempo era perseguitata da oscure presenze, i coniugi Warren decidono di rinchiudere l’oggetto – e il male con lui – all’interno di una teca benedetta. La scelta si rivela vincente e per un anno intero la bambola rimane confinata nella sua piccola prigione, ma un’azione sconsiderata le offrirà l’opportunità di liberarsi e mettere nuovamente in mostra il suo vero potere, richiamare a sé tutti gli spiriti presenti nelle sue vicinanze. Partendo da un incipit molto semplice e diretto, Annabelle 3 riesce a offrire un susseguirsi di vicende capaci d’attirare l’attenzione dello spettatore dall’inizio fino ai titoli di coda. Di base, il racconto e i colpi di scena presenti appaiono piuttosto scontati e facilmente individuabili, eppure Gary Dauberman – sceneggiatore/regista della pellicola e famoso per il suo contributo a opere quali It, The Nun e La Llorona – è riuscito nel non scontato compito di trasformare un lungometraggio potenzialmente prevedibile in un viaggio d’emozioni dove diviene sempre più difficile prepararsi anticipatamente ai tanti colpi al cuore che faranno la loro comparsa di volta in volta. Dauberman ha infatti messo in scena un intreccio narrativo dove il sapiente gioco tra climax e anticlimax finisce con il disorientare lo spettatore, incapace di prevedere quando il prossimo jumpscare busserà alla porta. D’occasioni propizie per farci fare un sano salto dalla sedia, in effetti, ve ne sono a decine nel corso del il film, ma proprio quando la tensione è alle stelle ecco che tutto s’interrompe, alle volte per interi minuti, in altri casi per pochi secondi, giusto il tempo di riprendere fiato prima che la situazione degeneri.

Annabelle 3 riesce così a mettere costantemente a disagio, si rivela capace di farci battere incessantemente il cuore, si ha sempre il timore di quale sarà il prossimo colpo basso della produzione, il tutto sfruttando anche alcuni stilemi classici del genere, indipendentemente che si parli della ragazza sola e indifesa in una stanza buia con in mano una torca o del fantasma che comincia a muoversi tra una stanza e l’altra senza però mai correre davvero incontro ai protagonisti. Inoltre, la presenza di varie entità con diverse peculiarità che andranno susseguendosi nel corso di tutta la pellicola non solo generano genuino interesse sotto un mero aspetto di lore nei confronti dei Warren e della loro stanza del male, ma permette anche di mettere in scena un film composto da vari sottogeneri, dal teen horror allo slasher, il tutto mescolando sequenze di puro terrore ad altre capaci di strappare addirittura un sorriso. Detto questo, è impossibile non constatare come parte del merito per la buona riuscita della pellicola sia anche da imputare ai continui giochi di luci e ombre sfoggiati in più occasioni e al sapiente utilizzo della cinepresa, che con i suoi movimenti spesso lenti e a tratti pesanti riesce a rafforzare ancor di più quel dilagante senso d’impotenza che ci accompagnerà dall’inizio fino ai titoli di coda. Per quanto riguarda invece la mera prova attoriale, l’intero cast ha saputo convincere pienamente, con sguardi e movimenti del corpo che rendono perfettamente leggibili le emozioni dei personaggi, il tutto ovviamente accostato a un doppiaggio italiano di prim’ordine e a una colonna sonora poco invadente ma capace di centrare sempre il bersaglio quando ce n’è bisogno.

Game Legends Stories

Recensione
  • Annabelle 3
    8Voto Finale

    Nel suo genere d’appartenenza, Annabelle 3 appare come un prodotto pienamente riuscito. Il lavoro di Gary Dauberman ha infatti contribuito alla produzione di un’opera capace di tenere perennemente con il fiato sospeso e in cui i sapienti jumpscare inseriti portano sempre al proverbiale salto dalla poltrona. Al netto di una storia di fondo alquanto prevedibile, la pellicola riesce a mantenere sempre alto l’interesse grazie ai vari sottogeneri horror che nel lungometraggio vanno fondendosi vicendevolmente tra loro in un continuo gioco di climax e anticlimax dove ogni occasione potrebbe rivelarsi propizia per farci schizzare il cuore in gola. Una prova attoriale d’ottimo livello affiancata a un doppiaggio italiano impeccabile e a una colonna sonora sempre calzante chiudono il cerchio di un film che tutti gli amanti del genere non dovrebbero assolutamente lasciarsi scappare.

    Trending
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA

    Login
    Loading...
    Sign Up

    New membership are not allowed.

    Loading...