fbpx

Atelier Firis: The Alchemist and the Mysterious Journey Recensione

In un primo trimestre clamoroso a livello di qualità e quantità uscite, dove a ridere siamo noi utenti ma a piangere i nostri poveri portafogli, qualche release...

In un primo trimestre clamoroso a livello di qualità e quantità uscite, dove a ridere siamo noi utenti ma a piangere i nostri poveri portafogli, qualche release “minore” rischia di passare in secondo piano; dinnanzi a mostri sacri come Horizon Zero Dawn e Zelda, attesi addirittura per lustri, è piuttosto normale sentirti piccoli piccoli del resto. Se poi uno dei titoli in questione è un Jrpg molto particolare, adatto ad una nicchia della nicchia di appassionati, capite come il discorso precedente ha ancora più valore; stiamo parlando infatti di Atelier Firis: The Alchemist and the Mysterious Journey, 18esimo nuovo capitolo del longevo brand di giochi di ruolo e seguito diretto del precedente Sophie. Sarà riuscito il titolo a meritarsi un piccolo spazio fra questi grandi colossi? Scopriamolo insieme!

Atelier Firis: The Alchemist and the Mysterious JourneyIl Mondo Esterno

Sebbene il titolo sia un diretto seguito di Atelier Sophie, non è assolutamente necessario aver giocato il precedente per fruire di questo: semplicemente, farete fatica a cogliere alcuni collegamenti e citazioni, ma nulla che possa impedirvi di vivere una partita completa con questo titolo. Il gioco ci mette nei panni della giovanissima Firis, ragazza cresciuta in un piccolo villaggio di nome Ertona, nascosto fra le montagne e dunque totalmente estraneo al mondo esterno. Mondo esterno che ha da sempre affascinato la giovane Firis, tuttavia impossibilitata ad abbandonare le mura amiche/nemiche; l’incontro con Sophie, la famosa protagonista del capitolo precedente, cambierà però le carte in tavola: Sophie scorgerà in Firis un innato talento per l’alchimia, con il quale quest’ultima otterrà il consenso di uscire dal mondo esterno per superare l’esame generale da alchimista professionista. Firis avrà infatti un anno esatto di tempo per arrivare a Reisenberg, la città dell’esame; plot di base che funziona, ma che nuovamente per la serie risulta legato al concetto di time limit. Se vi ricordate, avevamo elogiato Sophie per essersi finalmente liberato del tempo prefissato per fare le cose, donando libertà estrema al videogiocatore più attento ai dettagli; in questo Atelier Firis: The Alchemist and the Mysterious Journey il time limit è tornato, ma fortunatamente molto più permissivo e accessibile rispetto ai capitoli passati. La sensazione è che i ragazzi di Gust abbiano voluto accontentare un po’ tutti, mixando una serie di elementi cari ai nostalgici e altri tanto apprezzati nel più recente capitolo; il risultato è comunque godibile, e ad onor della causa va detto che una volta superato l’esame sarà possibile esplorare liberamente e completare tutto ciò che non abbiamo fatto: una manna dal cielo per i completisti, non c’è che dire.

Rombo vincente

Il gameplay di Atelier Firis è piuttosto classico, ma comunque merita una descrizione appropriata vista qualche differenza dal gioco di ruolo giapponese classico. I combattimenti sono a turni classici, sfruttando una barra di gestione sulla destra che tanto strizza l’occhio al classicissimo Final Fantasy X. Il nostro party è formato massimo da quattro personaggi, disponibili  sul campo unicamente in formazione romboide; il prima linea ovviamente il tank, il personaggio che subirà più danni e che avrà il compito di proteggere le retrovie. Retrovie per forza di cose occupate dalla nostra Firis, dato che non sarà possibile spostarla o gestirla in alcun modo; ai lati saranno presenti personaggi a nostra discrezione, che possono andare dal supporto a quello dedicato unicamente a fare più danno possibile: scelte strategiche dunque non troppo profonde, ma che fortunatamente trovato risvolto nella fase di battaglia dura e pura. Sarà infatti necessario avere sempre il controllo della situazione, dei turni e delle skill da utilizzare: la morte è dietro l’angolo in Atelier Firis, e la consapevolezza sul da farsi è fondamentale per riuscire anche nelle battaglie più ostiche. Chiudiamo questo paragrafo citando due importanti novità per il titolo: il Chain Burst e l‘Atelier portatile. La barra del Chain Burst è presente in alto sulla sinistra, caricabile utilizzando a dovere skill, magie e attacchi; una volta carica, sarà possibile scatenare un potente attacco di gruppo contro il malcapitato di turno, infliggendo ingenti danni; come piccola chicca strategica, sarà possibile utilizzare una parte della barra per proteggere Firis in caso di un pericoloso attacco, utilizzando uno dei nostri personaggi come scudo. L’Atelier portatile permetterà, esclusivamente in zone predisposte, di accamparci per recuperare salute, riposarsi e gestire l’alchimia; quest’ultima risulta organizzata in modo invariato rispetto ai precedenti capitoli, basata sulla raccolta di oggetti e sulla riuscita di un minigioco speciale che permetterà di craftare gli oggetti migliori.

Atelier Firis: The Alchemist and the Mysterious JourneyLa bilancia della tecnica

Tecnicamente parlando, Atelier Firis: The Alchemist and the Mysterious Journey vive su due poli contrapposti: se da un lato i personaggi sono squisitamente realizzati, specie quelli principali, non possiamo dire lo stesso dei fondali e del background in generale. Gli sfondi, il mondo esterno e i dungeon risultano si artisticamente ispirati, ma piuttosto poveri in fatto di poligoni; purtroppo la differenza si nota parecchio, specie quando si osservano le meravigliose espressioni di Firis e dei suoi compagni a dispetto di un fondale povero e scarno. Se il motore di gioco risulta oramai datato, non possiamo dire lo stesso delle tracce audio: tutte ottimamente realizzate, risultano molto spesso azzeccate alla situazione e mai noiose o ripetitive; situazione condita dalla possibilità di scegliere la traccia audio da ascoltare durante le nostre pause, con la possibilità di scegliere anche qualche pezzo dai precedenti titoli. Per quanto concerne la longevità, non possiamo affatto lamentarci: stiamo parlando di una storyline della durata di circa 30 ore, con possibilità di aumento grazie ai numerosi dungeon, all’alchimia e alle quest secondarie; piccola nota di demerito è la mancanza di localizzazione italiana: nulla di troppo difficile, ma vi sconsigliamo di acquistare il titolo se non masticate un minimo di inglese.

Disponibile il PlayStation Plus da 1 anno a 43,50 €: cliccate qui per acquistarlo e usate il codice GAMELEGENDSPSP!

Potete anche acquistare una ricarica da 50€ per il PlayStation Store a 38€! Ecco il link per l’acquisto, ricordatevi di utilizzare il codice GAMELEGENDS50.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA

Login
Loading...
Sign Up

New membership are not allowed.

Loading...