fbpx

BAFTA 2021: svelati tutti i vincitori dell’evento

Scopriamo quest'oggi quali sono tutti i vincitori degli ambiti BAFTA 2021, fra premiazioni piuttosto prevedibili e sorprese inaspettate.

  • Home
  • Movie
  • News
  • BAFTA 2021: svelati tutti i vincitori dell’evento

Sono stati celebrati nella serata di domenica 11 aprile i vincitori dei BAFTA 2021, il corrispettivo inglese degli Academy Awards (anche questa volta in via telematica).

I premi hanno visto trionfare Nomadland confermandolo di nuovo tra i più gettonati per la corsa agli Oscar del 25 aprile. La pellicola di Chloé Zhao ha conquistato molti premi principali come miglior film, miglior regia e miglior attrice protagonista a Frances McDormand.

Sul fronte attoriale maschile segnaliamo la sorprendente vittoria di Anthony Hopkins per The Father, mentre i premi come attori di supporto sono andati a Daniel Kaluuya per Judas and the Black Messiah e a Yuh Jung-Youn per Minari.

Una donna promettente (Promising Young Woman) di Emerald Fennell vince il premio come miglior film britannico e il premio alla miglior sceneggiatura, scavalcando a sorpresa il quotatissimo script di Aaron Sorkin per Il Processo ai Chicago 7.

Tutti i vincitori dei premi ai BAFTA 2021

Miglior film

  • Nomadland, Regia di Chloé Zhao
  • The Father, Nulla è come sembra (The Father), regia di Florian Zeller
  • The Mauritanian, regia di Kevin Macdonald
  • Una donna promettente (Promising Young Woman), regia di Emerald Fennell
  • Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7), regia di Aaron Sorkin

Miglior film britannico

  • Una donna promettente (Promising Young Woman), regia di Emerald Fennell
  • L’ombra della violenza (Calm with Horses), regia di Nick Rowland
  • La nave sepolta (The Dig), regia di Simon Stone
  • The Father – Nulla è come sembra (The Father), regia di Florian Zeller
  • His House, regia di Remi Weekes
  • Limbo, regia di Ben Sharrock
  • The Mauritanian, regia di Kevin Macdonald
  • Mogul Mowgli, regia di Bassam Tariq
  • Rocks, regia di Sarah Gavron
  • Saint Maud, regia di Rose Glass

Miglior debutto di un regista, sceneggiatore o produttore britannico

  • Remi Weekes (regista, sceneggiatore) – His House
  • Ben Sharrock (regista, sceneggiatore) e Irune Gurtubai (produttrice) – Limbo
  • Jack Sidey (sceneggiatore, produttore) – Moffie
  • Theresa Ikoko e Claire Wilson (sceneggiatrici) – Rocks
  • Rose Glass (regista, sceneggiatore) e Oliver Kassman (produttore) – Saint Maud

Miglior film in lingua straniera

  • Un altro giro (Druk), regia di Thomas Vinterberg (Danimarca)
  • Cari compagni! Regia di Andrej Končalovskij (Russia)
  • I miserabili (Les Misérables), regia di Ladj Ly (Francia)
  • Minari, regia di Lee Isaac Chung (Stati Uniti d’America)
  • Quovadis, Aida?, regia di Jasmila Žbanić (Bosnia ed Erzegovina)

Miglior documentario

  • Il mio amico in fondo al mare (My Octopus Teacher), regia di Pippa Ehrlich e James Reed
  • Collective (Colectiv), regia di Alexander Nanau
  • David Attenborough – Una vita sul nostro pianeta (David Attenborough: A Life on Our Planet), regia di Alastair Fothergill, Jonathan Hughes, Keith Scholey
  • The Dissident, regia di Bryan Fogel
  • The Social Dilemma, regia di Jeff Orlowski

Miglior film d’animazione

  • Soul, regia di Pete Docter e Kemp Powers
  • Onward – Oltre la magia (Onward), regia di Dan Scanlon
  • Wolfwalkers – Il popolo dei lupi (Wolfwalkers), regia di Tomm Moore e Ross Stewart

Miglior regista

  • Chloé Zhao – Nomadland
  • Thomas Vinterberg – Un altro giro (Druk)
  • Shannon Murphy – Babyteeth
  • Lee Isaac Chung – Minari
  • Jasmila Žbanić – Quo vadis, Aida?
  • Sarah Gavron –  Rocks

Miglior sceneggiatura originale

  • Emerald Fennell – Una donna promettente (Promising Young Woman)
  • Tobias Lindholm e Thomas Vinterberg – Un altro giro (Druk)
  • Jack Fincher – Mank
  • Theresa Ikoko e Claire Wilson – Rocks
  • Aaron Sorkin – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)

Miglior sceneggiatura non originale

  • Christopher Hampton e Florian Zeller – The Father – Nulla è come sembra (The Father)
  • Moira Buffini – La nave sepolta (The Dig)
  • Rory Haines, Sohrab Noshirvani e M. B. Traven – The Mauritanian
  • Chloé Zhao – Nomadland
  • Ramin Bahrani – La tigre bianca (The White Tiger)

Miglior attrice protagonista

  • Frances McDormand – Nomadland
  • Bukky Bakray – Rocks
  • Radha Blank – The Forty-Year-Old Version
  • Vanessa Kirby – Pieces of a Woman
  • Wunmi Mosaku – His House
  • Alfre Woodard – Clemency

Miglior attore protagonista

  • Anthony Hopkins – The Father – Nulla è come sembra (The Father)
  • Riz Ahmed – Sound of Metal
  • Chadwick Boseman – Ma Rainey’s Black Bottom
  • Adarsh Gourav – La tigre bianca (The White Tiger)
  • Mads Mikkelsen – Un altro giro (Druk)
  • Tahar Rahim – The Mauritanian

Miglior attrice non protagonista

  • Yoon Yeo-jeong – Minari
  • Niamh Algar – L’ombra della violenza (Calm with Horses)
  • Kosar Ali – Rocks
  • Maria Bakalova Borat – Seguito di film cinema (Borat Subsequent Moviefilm: Delivery of Prodigious Bribe to American Regime for Make Benefit Once Glorious Nation of Kazakhstan)
  • Dominique Fishback – Judas and the Black Messiah
  • Ashley Madekwe – County Lines

Miglior attore non protagonista

  • Daniel Kaluuya – Judas and the Black Messiah
  • Barry Keoghan – L’ombra della violenza (Calm with Horses)
  • Alan Kim – Minari
  • Leslie Odom Jr. – Quella notte a Miami… (One night in Miami…)
  • Clarke Peters – Da 5 Bloods – Come fratelli (Da 5 Bloods)
  • Paul Raci – Sound of Metal

Miglior colonna sonora

  • Jon Batiste, Trent Reznor e Atticus Ross – Soul
  • Trent Reznor e Atticus Ross – Mank
  • Emile Mosseri – Minari
  • James Newton Howard – Notizie dal mondo (News of the World)
  • Anthony Willis – Una donna promettente (Promising Young Woman)

Miglior casting

  • Shaheen Baig – L’ombra della violenza (Calm with Horses)
  • Alexa L. Fogel – Judas and the Black Messiah
  • Julia Kim – Minari
  • Lindsay Graham Ahanonu e Mary Vernieu – Una donna promettente (Promising Young Woman)
  • Lucy Pardee – Rocks

Miglior fotografia

  • Joshua James Richards – Nomadland
  • Sean Bobbitt – Judas and the Black Messiah
  • Erik Messerschmidt – Mank
  • Alwin H. Küchler – The Mauritanian
  • Dariusz Wolski – Notizie dal mondo (News of the World)

Miglior montaggio

  • Mikkel E.G. Nielsen – Sound of Metal
  • Yorgos Lamprinos – The Father – Nulla è come sembra (The Father)
  • Chloé Zhao – Nomadland
  • Frédéric Thoraval – Una donna promettente (Promising Young Woman)
  • Alan Baumgarten – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)

Miglior scenografia

  • Donald Graham Burt e Jan Pascale – Mank
  • Maria Djurkovic e Tatiana Macdonald – La nave sepolta (The Dig)
  • Peter Francis e Cathy Featherstone – The Father – Nulla è come sembra (The Father)
  • David Crank e Elizabeth Keenan – Notizie dal mondo (News of the World)
  • Sarah Greenwood e Katie Spencer – Rebecca

Migliori costumi

  • Ann Roth – Ma Rainey’s Black Bottom
  • Michael O’Connor – Ammonite
  • Alice Babidge – La nave sepolta (The Dig)
  • Alexandra Byrne – Emma.
  • Trish Summerville – Mank

Miglior trucco e acconciatura

  • Matiki Anoff, Larry M. Cherry, Sergio Lopez-Rivera e Mia Neal – Ma Rainey’s Black Bottom
  • Jenny Shircore – La nave sepolta (The Dig)
  • Patricia Dehaney, Eryn Krueger Mekash e Matthew Mungle – Elegia americana (Hillbilly Elegy)
  • Kimberley Spiteri e Gigi Williams – Mank
  • Mark Coulier – Pinocchio

Miglior sonoro

  • Jaime Baksht, Nicolas Becker, Phillip Bladh, Carlos Cortés e Michelle Couttolenc – Sound of Metal
  • Greyhound – Il nemico invisibile (Greyhound)
  • Michael Fentum, William Miller, Mike Prestwood Smith, John Pritchett e Oliver Tarney – Notizie dal mondo (News of the World)
  • Sergio Diaz, Zach Seivers e M. Wolf Snyder – Nomadland
  • Coya Elliott, Ren Klyce e David Parker – Soul

Miglior effetti speciali

  • Scott Fisher, Andrew Jackson e Andrew Lockley – Tenet
  • Pete Bebb, Nathan McGuinness e Sebastian von Overheidt – Greyhound – Il nemico invisibile (Greyhound)
  • Matt Kasmir, Chris Lawrence e David Watkins – The Midnight Sky
  • Sean Faden, Steve Ingram, Anders Langlands e Seth Maury – Mulan
  • Santiago Colomo Martinez, Nick Davis, Greg Fisher e Ben Jones – L’unico e insuperabile Ivan (The One and Only Ivan)

Miglior cortometraggio animato

  • The Fire Next Time, regia di Renaldho Pelle
  • The Owl and the Pussycat, regia di Mole Hill
  • The Song of a Lost Boy, regia di Daniel Quirke

Miglior cortometraggio

  • Eyelash, regia di Jesse Lewis Reece
  • Lizard, regia di Akinola Davies
  • Lucky Break, regia di John Addis
  • Miss Curvy, regia di Ghada Eldemellawy
  • The Present, regia di Farah Nabulsi

Miglior stella emergente

  • Bukky Bakray
  • Conrad Khan
  • Kingsley Ben-Adir
  • Morfydd Clark
  • Ṣọpẹ Dìrísù

Disponibile il PlayStation Plus da 1 anno a 43,50 €: cliccate qui per acquistarlo e usate il codice GAMELEGENDSPSP!

Potete anche acquistare una ricarica da 50€ per il PlayStation Store a 38€! Ecco il link per l’acquisto, ricordatevi di utilizzare il codice GAMELEGENDS50.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA

Login
Loading...
Sign Up

New membership are not allowed.

Loading...