Dolmen - Primi passi in un soulslike horror futuristico

Dolmen – Primi passi in un soulslike horror futuristico

Abbiamo provato in anteprima Dolmen, un Action RPG fantascientifico dalle tinte horror e con una struttura soulslike previsto per il 2022.

  BREAKING
Convegno del senato italiano interrotto da un hentai di Final Fantasy VII
Activision Blizzard: Microsoft pagherà una fortuna se l’accordo salterà
Xbox e Activision Blizzard: tutte le IP ottenute grazie all’acquisizione
Microsoft ha comprato ufficialmente Activision Blizzard, è confermato
Xbox Game Pass da record ancora prima dell’acquisizione di Activision
I giochi Play-To-Earn “sono il futuro”, parla il co-fondatore di Reddit
Activision Blizzard produrrà solo esclusive Xbox? Arriva un chiarimento
Xbox Game Pass otterrà i giochi di Activision Blizzard? Parla Phil Spencer
Activision Blizzard cambierà CEO dopo l’acquisizione di Microsoft?
Microsoft sta per acquisire Activision Blizzard, è ufficiale
Genshin Impact 2.6: partono le registrazioni, sembra che Ayato sarà inclusa
PG Nationals Spring Split 2022: parte il campionato italiano di LoL
Burn Butcher Burn: arriva la cover italiana della canzone di The Witcher
Fortnite: Pinnacoli Pendenti è arrivata, i dettagli sugli enormi Klombo
Xbox Game Pass: svelati i nuovi giochi gratis di gennaio 2022? [AGGIORNATA]
Activision Blizzard prende provvedimenti, licenziati 40 dipendenti
Hogwarts Legacy: nessun dubbio, arriva la conferma dell’anno d’uscita
Kingdom Hearts: uscita su Switch e 20° anniversario vicini, ecco le date
PlayStation Indies: Shuhei Yoshida sarà l’host del prossimo evento
PlayStation 5 è ora più facile da acquistare in Europa, ma non ancora in Italia
Next
Prev

Non c’è dubbio che gli Action RPG siano tra i generi più amati dai videogiocatori, specialmente nel sottogenere dei Soulslike. Non è quindi raro che gli sviluppatori, forti di un’idea particolare, vogliano sfruttare tale struttura per le loro opere, che magari calzano a pennello proprio con la scintilla avuta. Oggi andiamo ad analizzare in anteprima Dolmen, un titolo che ha molto da dire, soprattutto se pensiamo che va a fondere insieme un panorama fantascientifico all’orrore cosmico Lovecraftiano. Negli ultimi giorni abbiamo messo abbondantemente mano sul gioco, immergendoci nell’investigazione di tre settori infestati da orribili e pericolosissime creature… ma perché siamo lì?

Un cristallo “miracoloso”

Un breve video introduttivo ci ha descritto il setting e la nostra missione. Ci troviamo all’interno di un universo dove l’umanità si è evoluta talmente tanto da divenire in grado di colonizzare diversi pianeti, con delle corporazioni private che combattono tra di loro pur di guadagnare vantaggi militari e tecnologici. Tra queste c’è anche la Zoan, una corporazione che invia degli umani modificati geneticamente a colonizzare e investigare su alcuni pianeti: uno di questi in particolare, Revion Prime, è colmo di un cristallo chiamato Dolmen, che possiede addirittura la capacità di mettere in contatto diverse dimensioni e potenzialmente capace di rivoluzionare l’esplorazione spaziale.

Come sempre, con premesse del genere, le possibilità che qualcosa vada storto sono innumerevoli, e infatti un catastrofico incidente porterà queste dimensioni a interferire troppo tra di loro, portando quasi al collasso della nostra dimensione. Il compito del nostro personaggio, inviato sul posto, sarà quindi quello di riportare agli archivi i cristalli Dolmen sterminando le pericolosissime forme di vita aliene che hanno infestato il pianeta. Prima di cominciare, potremo come di consueto regolare a nostro piacimento le impostazioni video, i controlli e così via, cosa decisamente gradita per adattare il prodotto alle proprie esigenze tecniche e di gioco.

Un nuovo orrore

Come ogni Action RPG che si rispetti, saremo portati a creare il nostro personaggio, anche se la personalizzazione per questa fase di test è abbastanza limitata. Non appena controlleremo il nostro personaggio, inizierà la nostra esplorazione nella prima lineare zona di gioco: questa presenta anche dei brevi messaggi tutorial che ci spiegheranno i semplici comandi base del titolo, con una mappatura molto simile a quella dei capisaldi del genere (anche se consigliamo di abbassare leggermente la sensibilità delle levette analogiche). L’HUD è semplice da comprendere, con le armi e gli oggetti equipaggiati in basso a sinistra e le tre barre che andranno a misurare la nostra vitalità, la stamina e l’energia.

Il mondo di gioco è un misto di terra e metallo, una terra molto particolare, che sembra quasi “viva” al colore… ma mai viva come le creature che vi si nascondono, le quali tenderanno a farvi spesso delle imboscate. Ma i loro attacchi non saranno l’unica minaccia per danni fisici, perché fin da subito dovremo fare i conti anche con status alterati, soprattutto il veleno che ci logorerà pian piano. In caso di morte perderemo tutti i Naniti e i cristalli Dolmen che abbiamo raccolto, rinascendo all’ultimo Beacon. Per recuperare tutto ciò che avremo perso, dovremo tornare nel punto della mappa dove siamo morti.

Dolmen

Per fortuna il gioco metterà a disposizione del giocatore anche diversi modi per potenziarsi e regolare l’azione in base alle sue strategie: oltre al Parry che potremo performare parandoci al momento giusto e alle abilità speciali, potremo utilizzare sulla nave Zoan i Naniti raccolti uccidendo le creature, il tutto al fine ultimo di salire di livello; le armature che potremo trovare saranno di diverso tipo e avranno anche alcuni effetti particolari che si dividono per le diverse parti del corpo, alle quali potremo accostare anche nuovi scudi e armi, melee e a distanza. Tutto questo può essere sintetizzato, così da dare ad ogni arma un effetto diverso e personale per renderle ancora più varie e situazionali (un po’ come le infusioni in Dark Souls, per capirci). Come il level up, anche per poter creare le proprie armi sarà necessario recarsi alla nave Zoan. Infine, i cristalli Dolmen ci daranno modo di chiamare in aiuto dei giocatori in multiplayer contro i boss, cosa assolutamente da non sottovalutare.

Uno sguardo ravvicinato

Dolmen è stato sviluppato utilizzando l’Unreal Engine 4, e nonostante un buon lavoro dal punto di vista grafico e tecnico, a lasciare un pochino a desiderare sono il level design non particolarmente ispirato, e le animazioni, a volte alquanto “giocattolose” (cosa totalmente comprensibili per una fase di test). Quello che però ci è sembrato mancare per ora – ed è comprensibilissimo, dato che probabilmente il meglio sarà tenuto per la release definitiva – è il carisma, dato che a parte l’interessante utilizzo dei cristalli, giustificato dal loro potere, tutto il resto della lore che ci è stata raccontata sembra un mero pretesto narrativo, e speriamo in seguito di trovarci di fronte a una maggiore profondità di contenuti… e perché no, di interpretazione.

Tuttavia, pad alla mano, il gioco sembra rispondere bene, e al netto di qualche problemino da risolvere (soprattutto nelle fasi di assestamento iniziali e nei “primi passi” che faremo in-game) e un paio di bilanciamenti necessari, la nostra impressione sul gioco rimane buona, cautamente ottimistica. Il titolo è previsto per il 2022, e arriverà su PC e sulle console Sony e Microsoft di attuale e scorsa generazione.

Game Legends Stories

Dettagli del Gioco
Trending
ISCRIVITI ALLA NOSTRA

Login
Loading...
Sign Up

New membership are not allowed.

Loading...