fbpx

King Arthur: il gioco Ubisoft è stato annullato a causa di un caos aziendale

King Arthur è stato ufficialmente annullato, a causa di alcuni problemi nati fra le maggiori autorità di Ubisoft. Maggiori dettagli nella news.

  • Home
  • Games
  • News
  • King Arthur: il gioco Ubisoft è stato annullato a causa di un caos aziendale

Quando Ubisoft ha assunto Mike Laidlaw, noto e rispettato designer della serie Dragon Age, alla fine del 2018, le aspettative erano alte e tutte sul nuovo gioco dedicato a King Arthur. I fan erano entusiasti di vedere che tipo di prodotto avrebbero potuto fruire, ma purtroppo il tutto si è concluso in un nulla di fatto. In effetti, Laidlaw stava guidando lo sviluppo di un gioco di ruolo chiamato in codice Avalon, secondo le persone che hanno familiarità con il progetto. Questa era un’avventura con un grande budget alle spalle, la quale avrebbe coinvolto le storie di Re Artù e della sua Tavola Rotonda in un mondo fantasy di stregoneria pieno di cavalieri e leggende. Ma poco più di un anno dopo, prima di rilasciare qualsiasi progetto o informazione, Laidlaw si è dimesso.

Secondo gli attuali ed ex dipendenti, Avalon/King Arthur è stato cancellato dal potente direttore creativo di Ubisoft, Serge Hascoët, a causa di un insolito controllo sul contenuto. Hascoët è stato accreditato nei piani alti dell’azienda a causa della serie di Far Cry e Assassin’s Creed. Tuttavia, lo stesso, non era un gran fan del genere fantasy e stabilì un punto forte per il team che stava lavorando ad Avalon a Quebec City, in Canada. Se stavano cercando di creare un gioco fantasy, doveva essere “migliore di Tolkien”, ha detto loro, almeno secondo le persone che hanno familiarità con il progetto.

All’inizio di questo mese, Hascoët ha rassegnato, per fortuna degli appassionati, le dimissioni, soprattutto dopo varie accuse di cattiva condotta sessuale all’interno dell’azienda, comprese quelle di aver creato una vera e propria confraternita. I suoi danni però non si limitano a questo, la sua presa ha anche soffocato la creatività di Ubisoft: attuali ed ex sviluppatori hanno dichiarato che Hascoët ha respinto alcune idee con un grande potenziale e ha indispettito dipendenti di alto profilo, limitando così il potenziale dell’azienda in favore della sua arida figura. Allo stato attuale Laidlaw e un portavoce di Ubisoft hanno rifiutato di commentare, mentre Hascoët non ha risposto a nessun tipo di domanda o intervista.

L’anno scorso Ubisoft, sotto la sua “ala protettrice”, ha rilasciato due progetti di poco successo: The Division 2, che è stato acclamato dalla critica ma è risultato commercialmente deludente, e Ghost Recon Breakpoint, il quale è stato fortemente criticato da stampa e fan. Alla fine dell’anno, le azioni di Ubisoft erano scese del 40% dal suo massimo di un anno prima. Di conseguenza, l’azienda ha riorganizzato la divisione editoriale nel tentativo di diversificare i suoi giochi. Due delle persone promosse all’epoca, Maxime Béland e Tommy François, sono oggetto di un’indagine aziendale per denunce di cattiva condotta sessuale. Béland si è dimesso, mentre lo stato occupazionale di Francois rimane poco chiaro. Sulla scia dello scandalo delle molestie, l’amministratore delegato Yves Guillemot ha promesso grandi cambiamenti culturali. Alcuni dipendenti di Ubisoft si chiedono se cambierà anche la struttura creativa dell’azienda, diversificando i ranghi di leadership e creando un’opportunità per un elenco di titoli più espansivo e potenzialmente redditizio.

Ubisoft è stata a volte criticata dai fan e esperti per il riutilizzo di asset all’interno dei suoi titoli. I suoi più grandi franchise, tra cui Watch Dogs, Far Cry e la saga Tom Clancy, sono tutti grandi open world con ambientazioni realistiche, il che non è un caso. Prima di Avalon, Hascoët ha rifiutato le presentazioni di molti altri giochi in stile fantasy, secondo le persone che hanno familiarità con i processi di sviluppo di Ubisoft. L’uomo, e il dipartimento marketing di Ubisoft, hanno anche impedito agli sviluppatori degli ultimi tre giochi di Assassin’s Creed di scrivere ruoli più importanti per le loro protagoniste femminili.

All’interno della gestione di Ubisoft, Hascoët è stato visto come responsabile del successo della formula open world che ha trasformato i vari franchise del publisher in successi commerciali, ma il suo livello di potenza era unico nel settore. La maggior parte degli altri editori hanno più direttori creativi piuttosto che una sola persona, una configurazione che secondo l’analista di Cowen & Co. Doug Creutz potrebbe essere più efficace.

Penso che sia una buona cosa avere un gruppo di persone, anche se piccolo, che faccia da “fucina creativa”, rispetto a dare tutto questo potere ad una sola persona. Questo è rischioso.

Le persone che hanno lavorato su Avalon/King Arthur hanno affermato che il progetto stava procedendo bene. Presentava un mondo multiplayer cooperativo simile alla famosa serie Monster Hunter di Capcom. Gli sviluppatori del gioco sono rimasti scioccati nel vedere il progetto ostacolato semplicemente perché il direttore creativo non ha apprezzato la sua ambientazione. Nel tentativo di salvare il tutto, per l’intero 2019, Laidlaw e il suo team hanno lanciato nuovi temi. Hanno cambiato impostazione, provandone una più fantascientifica e una basata sulla mitologia greca. Tuttavia, Hascoët ha abbattuto tutte queste idee e, nell’autunno scorso, il gioco è stato annullato. Di conseguenza Laidlaw ha deciso di allontanarsi dall’azienda.

Disponibile il PlayStation Plus da 1 anno a 43,50 €: cliccate qui per acquistarlo e usate il codice GAMELEGENDSPSP!

Potete anche acquistare una ricarica da 50€ per il PlayStation Store a 38€! Ecco il link per l’acquisto, ricordatevi di utilizzare il codice GAMELEGENDS50.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA

Login
Loading...
Sign Up

New membership are not allowed.

Loading...