fbpx

Mario Sports Superstars – Recensione

Che Mario fosse un tipo sportivo lo sapevamo, l’anno scorso infatti puntuale come ogni Olimpiade abbiamo potuto godere dell’ottimo titolo dedicato ai Giochi di Rio...

Che Mario fosse un tipo sportivo lo sapevamo, l’anno scorso infatti puntuale come ogni Olimpiade abbiamo potuto godere dell’ottimo titolo dedicato ai Giochi di Rio 2016, ma l’idraulico dal cappello rosso non si ferma mai ed ecco infatti arrivare per la famiglia 3DS una nuova raccolta di minigiochi sportivi: Mario Sports Superstars! Questa raccolta che ci viene proposta da Camelot contiene cinque discipline fra vecchie e nuove conoscenze: Calcio, Baseball, Tennis, Golf ed Equitazione. Ogni sport sarà davvero ben curato a livello di gameplay, riprendendo molto fedelmente i titoli precedenti nei quali sono comparsi (vedi Mario Tennis Open o Mario Golf World Tour), attenzione però, questo non è assolutamente un male dato che se un prodotto è di ottima fattura, riproducendolo in una formula simile il risultato non può che essere altrettanto buono.

Cinque sport non sono un grande numero se li paragoniamo ai titoli delle Olimpiadi, ma sicuramente ogni singola disciplina qui è curata al minimo dettaglio e la scelta di puntare sulla qualità rispetto alla quantità dunque risulta davvero molto azzeccata. Il gioco ci offrirà un roster niente male, con tutti i personaggi più famosi della serie, ed anche un paio di extra che potremo sbloccare completando i tornei alle difficoltà più alte. A questi personaggi inoltre potremo applicare alcune personalizzazioni all’attrezzatura con le carte sbloccabili nei pacchetti acquistabili nel negozio, rigorosamente con soldi guadagnati in game attraverso le varie partite. Prima di cominciare a parlare singolarmente di ogni sport, però, è bene spendere qualche parola anche per le modalità che potremo scegliere in ogni disciplina: Amichevole o Torneo. Le prime ci permetteranno di scegliere campo di gioco, avversari, difficoltà ecc, ma rimangono fine a ste stesse.

La parte che offre più sfida (e più soddisfazione anche) sono ovviamente i Tornei con difficoltà crescente: Fungo, Fiore e Stella, che se completati tutti ci daranno accesso al torneo Campione, che una volta completato oltre a setting e personaggi aggiuntivi, ci sbloccherà la versione Star (potenziata) del personaggio con il quale l’abbiamo vinto. Se inoltre possediamo le carte Amiibo dei rispettivi personaggi potremo potenziarli ulteriormente facendoli diventare vere e proprie “SuperStar”, che ci torneranno davvero utili negli scontri dove la difficoltà è più alta. La modalità online è sicuramente uno dei punti cardine del titolo, in quanto se giocato con amici (soprattutto in locale) il divertimento e le risate sono assicurati. Anche per i giocatori che preferiscono il singleplayer però il gioco alle difficoltà più alte offre buoni livelli di sfida in molti sport, tuttavia giocare solo contro la CPU alla lunga potrebbe risultare ripetitivo. Ma ora bando alle ciance e cominciamo a trattare uno per uno le discipline che andremo a giocare in Mario Sports Superstars!

Calcio

Essendo lo sport più amato e seguito del Bel Paese non potevamo non iniziare trattando proprio il nostro sport nazionale, il calcio! Le somiglianze con i titoli calcistici usciti per GameCube e Wii di sicuro si vedono, ma questo come abbiamo detto prima non è per forza un difetto. Le partite sono molto arcade ma non mancano finezze aggiunte in questo titolo come passaggi filtranti (alti e bassi) e addirittura finte di corpo. Certo non aspettatevi il sistema di comandi articolati come in un FIFA, ma la resa in gioco è sicuramente godibile, soprattutto se ci aggiungiamo poi i “tiri speciali” alla Holly e Benji che potremo effettuare una volta che il pallone comincerà a brillare avendo accumulato abbastanza energia da diverse azioni. Un piccolo difetto che spesso potrebbe dare fastidio è però il cambio di giocatore quando siamo in difesa: l’intelligenza artificiale infatti spesso non cambierà in maniera corretta il nostro cursore lasciando molte volte delle vere e proprie praterie per gli avversari che potranno arrivare in porta. Se nelle prime due difficoltà questo è passabile dato che non verremo eccessivamente puniti dalla CPU avversaria, ai livelli più alti subire magari un gol al novantesimo per questo potrebbe davvero facci saltare i nervi. Nel complesso però il Calcio è forse lo sport più adatto ai neofiti, molto arcade ed estremamente divertente soprattutto in compagnia.

Baseball

Il baseball insieme all’equitazione è la vera novità del gioco, qui l’arcade cede il passo per passare a delle meccaniche sicuramente più toste da imparare, che si avvicinano più fedelmente allo sport reale. Ogni giocatore avrà le sue caratteristiche e i suoi tipi di lanci preferiti che saranno in totale sette diversi, direzionabili dove vogliamo e con gli effetti che preferiamo, rendendo la meccanica del lanciatore davvero completa ed interessante. Data la bravura dei battitori della CPU anche ai livelli medi e soprattutto ai nostri compagni schierati in difesa che ahimè saranno controllati in maniera automatica, il baseball risulta fra i cinque sicuramente lo sport più difficile, per il quale consigliamo assolutamente di iniziare con le modalità più semplici. Anche il ruolo del battitore non è facile, dato che spesso il lanciatore avversario cambierà direzione ed effetto della palla per confonderci ad ogni lancio.

Tennis

Una vera e propria garanzia nei giochi sportivi di Mario, riprendendo molto da Mario Tennis Open, questa disciplina di presenta come una delle più divertenti, arcade, e allo stesso competitive di tutto il pacchetto. Avremo a disposizione sei diversi tipi di tiri che potremo anche direzionare e che potremo anche effettuare in salto, il tutto ovviamente regolando la potenza. Tutto dipenderà dal tempismo col quale risponderemo al colpo avversario e ovviamente anche dal tipo di risposta che useremo rispetto ad un tiro diverso del nostro avversario. A livelli alti la sfida sarà non indifferente e soprattutto online troveremo avversari in grado di regalarci scambi a livelli di intensità paragonabili a quelli di un Wimbledon! Anche qui ogni personaggio avrà le sue caratteristiche che lo agevoleranno in certe situazioni e colpi. Da segnalare anche la possibilità di fare delle partite in doppio, che aggiungono sfida e divertimento ad uno degli sport sicuramente più riusciti di tutta la raccolta.

Golf

Il golf come il tennis deve molto ad un predecessore: Mario Golf World Tour, dal quale riprende sia l’Hud che il complesso sistema di comandi, rendendo questo sport sicuramente come il più simulativo fra i cinque. Se siete infatti dei giocatori freddi e calcolatori, che adorano programmare fino al singolo centimetro la vostra mossa, questa disciplina fa sicuramente per voi. Potremo infatti scegliere ogni singolo aspetto del nostro tiro per renderlo perfetto, dalla scelta della mazza, alla potenza e alla direzione combinate anche con l’effetto del tiro. Il tutto poi dovrà sapientemente essere coordinato con il tipo di terreno sul quale stiamo colpendo e dove andrà ad atterrare la nostra pallina. L’inclinazione del suolo ha anch’essa un ruolo essenziale per non parlare ovviamente anche del vento che influenzerà la velocità e la direzione del nostro colpo. Insomma uno sport che ci richiederà davvero tanto tempo e dedizione se vorremo eccellere in tutte le difficoltà, e che premia la pazienza e la bravura del giocatore, non lasciando niente al caso o alla CPU.

Equitazione

Ultimo, ma non per importanza, l’equitazione. Grande novità di questo Mario Sports Superstar, è divisa in due parti: le gare stesse e la stalla. Nella stalla potremo scegliere, accudire e abbellire il nostro cavallo “in stile Nintendogs” in modo tale da alzargli l’umore, caratteristiche che ci tornerà davvero utile in gara. Certo, questa parte potrebbe risultare noiosa per molti giocatori, ma fortunatamente per chi vuole semplicemente buttarsi in pista il gioco ci permetterà anche di selezionare da un roster di cavalli “ospiti” in modo da farci evitare la parte della cura del nostro animale. I comandi saranno abbastanza semplici ma padroneggiarli al meglio potrebbe richiedere un po’ di pratica, il nostro destriero avrà infatti una barra che ci permetterà di galoppare e che avrà bisogno di carote che raccoglieremo durante il tracciato per non esaurirsi. Durante la corsa potremo anche raccogliere delle stelle che una volta riempito il loro apposito indicatore, ci permetteranno di effettuare un super scatto utile nei rettilinei o per attraversare terreni impervi senza dover saltare. Una feature molto interessante dell’equitazione è l’effetto mandria, che ci permetterà di caricare la nostra barra della resistenza più velocemente quando siamo in mezzo agli altri cavalli, consentendoci di rimontare anche gare che sembravano perse.

Modus Operandi: Gli sport sono stati giocati tutti con i rispettivi tornei completati ognuno almeno a livello intermedio, testate anche le amichevoli e le funzionalità online. Sbloccata anche gran parte della collezione di carte acquistabili nel negozio. Il gioco è stato giocato su un New Nintendo 3DS senza alcun calo di frame o bug di alcun genere.

Disponibile il PlayStation Plus da 1 anno a 43,50 €: cliccate qui per acquistarlo e usate il codice GAMELEGENDSPSP!

Potete anche acquistare una ricarica da 50€ per il PlayStation Store a 38€! Ecco il link per l’acquisto, ricordatevi di utilizzare il codice GAMELEGENDS50.

Recensione
  • Mario Sports Superstars
    7.5Voto Finale

    Mario Sports Superstars è un titolo che sicuramente non può mancare tra la collezione di un giocatore appassionato di sport e che non si è mai approcciato ad uno dei precedenti che vedevano come protagonista l’idraulico dal cappello rosso. Prende saggiamente gli elementi che funzionavano nei predecessori e li combina offrendoci cinque discipline varie e profonde, qualcuna più delle altre. Quello che conta più di tutto però è che diverte davvero tanto, cosa che i videogiochi moderni spesso mettono quasi in secondo piano.

    ISCRIVITI ALLA NOSTRA

    Login
    Loading...
    Sign Up

    New membership are not allowed.

    Loading...