fbpx

Predator: Life and Death – Recensione del fumetto pubblicato da Saldapress

Dopo l’annuncio dell’imminete film dedicato all’universo di Alien e Predator, è pronto a sbarcare in Italia pubblicato da...

  • Home
  • Comics
  • Recensione
  • Predator: Life and Death – Recensione del fumetto pubblicato da Saldapress

Dopo l’annuncio dell’imminete film dedicato all’universo di Alien e Predator, è pronto a sbarcare in Italia pubblicato da Saldapress l’atteso seguito del volume Fire and Stone, ovvero Predator: Life and Death targato Dark Horse Comics. Questo nuovo volume sarà disponibile in tutte le librerie e fumetterie dello stivale a partire da metà settembre.

Scritto da Dan Abnett (Judge Dredd; War Machine), disegnato da Brian Albert Thies (Star Wars: Legacy; Winter Soldier; The Amazing Spider-Man), La storia prende vita esattamente un anno dopo le vicende di Fire and Stone e 43 anni dopo gli eventi del film Aliens. L’astronave militare USCM Hasdrubal atterra sul planetoide LV-797 (ribattezzato Tartarus), una delle lune che orbitano attorno al pianeta Calpamos. La missione dei marine coloniali a bordo, una volta sbarcati, sarà quella di investigare su una possibile attività illecita di una società rivale della Weyland-Yutani, la Seegson, che starebbe intraprendendo attività illecite sul pianeta, di proprietà della Compagnia. Quello con cui si trovano ad avere a che fare i militari però, è molto diverso da un semplice gruppo di minatori illegali: si imbatteranno in una gigantesca astronave aliena a forma di ferro di cavallo e in un gruppo di yautja che la presidiano e che sono pronti a tutti pur di difenderla.


Predator: Life and Death è un ottimo punto di partenza per sviluppare in seguito storie più ricche e complesse. La storia ha il pregio di scorrere in modo piacevole e senza perdersi mai, complice una storia carica di azione che dà al lettore esattamente quello che si aspetta, ovvero scontri fantascientifici tra feroci Predator e Marines super addestrati. Il tutto è supportato magnificamente dai disegni di Brian Albert Thies che con il suo stile sporco e graffiante riesce a rendere al meglio l’anima cupa e spietata dell’Alien Universe.

Game Legends Stories

ISCRIVITI ALLA NOSTRA

Login
Loading...
Sign Up

New membership are not allowed.

Loading...