Retired Men’s Nude Beach Volleyball League - Recensione di un 'non gioco'

Retired Men’s Nude Beach Volleyball League – Recensione di un ‘non gioco’

Retired Men’s Nude Beach Volleyball League è il titolo più strano in cui possiate imbattervi in questi giorni, ecco la nostra recensione.

  • Home
  • Games
  • Recensione
  • Retired Men’s Nude Beach Volleyball League – Recensione di un ‘non gioco’
  BREAKING
Call of Duty continuerà a uscire su PlayStation? Phil Spencer fa chiarezza
Life is Strange: Remastered Collection rinviato per Nintendo Switch
PlayStation: Wrap-Up, come vedere le statistiche del 2021
Ghostwire Tokyo: il PlayStation Store avrebbe svelato la data d’uscita
FIFA 22: rivelato il Team of the Year
Phil Spencer svela le IP a cui è interessato dopo l’acquisizione di Acrtivision Blizzard
Pokémon GO: scoperto un glitch degli scambi, Niantic prende provvedimenti
Future Games Show: rivelata la data ufficiale dello showcase
WWE 2K22 ritorna con Rey Misterio in copertina, trailer e data d’uscita
God of War per PC gira già su Steam Deck, arriva il primo screen
Activision Blizzard: parla Sony, fra accordi ed esclusive Xbox
Nintendo Switch: cosa cambia con l’aggiornamento 1.3.2.1
GTA Remastered Trilogy, il CEO di Take-Two minimizza i problemi tecnici
Pokémon diventa un FPS, fan realizzano un gioco brutale
The Wolf Among Us 2: prime foto, ecco come Telltale si è ripresa dal crollo
Fortnite: leak avrebbe rivelato le skin di Hawkeye
FIFA 22: cosa cambia l’aggiornamento 1.16 su FUT e sul gameplay
Activision Blizzard: il CEO pensò di acquistare dei siti di notizie videoludiche
Dying Light 2 rinviato su Nintendo Switch, è ufficiale
Horizon Forbidden West: nuovo trailer e dettagli sulla storia
Next
Prev

Alcuni giochi hanno un senso e un messaggio chiaro fin dal principio, altri, invece, sembrano semplicemente privi di qualsiasi senso, o forse ne hanno uno che merita un’attenzione diversa e una dedizione tutta particolare. Retired Men’s Nude Beach Volleyball League, il titolo di cui oggi vi proponiamo la recensione, costruisce la sua iniziale identità su un preteso che ben presto diventa tutt’altro, tramutando l’esperienza di gameplay in un viaggio che fa dell’introspezione la sua reale natura.

Di primo acchito un titolo del genere non può che strappare una risata, date sia le premesse che i vari video pubblicati sul web dai suoi sviluppatori, i ragazzi di Snowrunner Games. Cercando di andare oltre la patina “particolare” a infiocchettare il tutto, tuttavia, si scoprirà un’esperienza molto più profonda di quanto non ci si aspetti, con una narrazione pronta a trascendere completamente le apparenze iniziali. Il titolo è già disponibile e potrete trovarlo nel catalogo di Steam.

Vecchi signori completamente nudi

La parola “naked” nel titolo è il termine principale attraverso cui descrivere adeguatamente il gioco. Al centro di esso infatti abbiamo alcuni signori anziani che giocano a volleyball in spiaggia, nudi, e per questo fanno parte di una particolare lega dalle regole rigidissime che ci tiene enormemente a tutelare i suoi membri. Questa stessa parola però, rappresenta anche il cuore stesso del titolo, dato che nel corso dell’intera esperienza sia il protagonista che gli altri partecipanti continueranno a mettersi a nudo, interiormente parlando, in ogni momento. Ogni singolo match e pre match è infatti scandito dalle riflessioni e dai dialoghi a disegnare ogni personaggio. Il protagonista riflette continuamente su sé stesso, sul suo passato, sui ricordi in base al posto in cui si trova. Inoltre parla in continuazione con tutti i suoi avversari, costruendo con loro uno strano rapporto di rispetto reciproco. 

Retired men’s nude recensione

La storia, unica modalità disponibile, è divisa in settimane. Ogni settimana è caratterizzata da un momento esterno al campo da volleyball in cui il protagonista viaggia e riflette, e da un momento interno in cui si dovrà gareggiare.

La lega infatti si sviluppa lungo una serie di tappe che il protagonista dovrà raggiungere di volta in volta. Sia le riflessioni che i vari dialoghi sono a totale scelta del giocatore, il quale potrà scegliere di scoprire di più sul suddetto, oppure essere cordiale o meno col prossimo. Retired Men’s Nude Beach Volleyball League offre due elementi molto curiosi, la riflessione sul passato e sul presente, e come vedremo più avanti nella recensione un’identità estetica tutta da decifrare.

Parlando invece delle partite, qui ci sono alcune regole da seguire: in ognuna di esse si dovranno segnare 25 punti per sconfiggere l’avversario, che sono realizzabili soltanto quando è il proprio turno di battere, mentre quando batte l’avversario si potrà soltanto contrattaccare ai suoi tiri. Il fatto di poter segnare soltanto in battuta e la prospettiva completamente sfalsata del gioco renderanno ostico ogni singolo tentativo di vittoria.

Retired men’s nude recensione

Un’estetica nuda?

La seconda cosa che salta all’occhio in Retired Men’s Nude Beach Volleyball League è proprio la sua identità estetica: si parla di “identità” proprio perché nella sua resa complessiva ogni singolo elemento a schermo riconduce ad anni e anni indietro nel tempo, come la rappresentazione dello schermo in stile tubo catodico, ad esempio. Il gioco si muove in una forma bidimensionale, ricordando nello stile i disegni dei bambini, quelli che si fanno quando non si ha ancora idea di che cosa sia la prospettiva e il resto. Ne fuoriesce un prodotto che da una parte si distingue sicuramente da tutto il resto, e dall’altra risulta estremamente semplicistico in ogni suo momento, sotto ogni singolo aspetto, anche quello sonoro.

Retired men’s nude recensione

Un minimo di dinamismo è dato dalle varie location in cui si gioca, sempre e comunque però apparentemente uscite dalla mano di un qualche infante. Interessanti alcune scelte distintive per quanto concerne alcuni personaggi, come ad esempio l’arbitro, che non soltanto ci introdurrà all’intero gioco, ma che ci seguirà passo passo in ogni incontro commentando ogni punto che verrà realizzato da noi e dagli avversari, facendo battute di tanto in tanto. Tutto ciò denota uno strano tipo d’impegno, anche se il vero messaggio dietro a questo videogioco è tutt’altro, e più intimamente legato ai vari personaggi che scorrono lungo lo schermo con tutte le loro insicurezze e paturnie, pensieri e problematiche giornaliere in un flusso di coscienza totalmente inaspettato.

A conti fatti, comunque, l’esperienza totale risulta priva di reali spunti ludici. Curiosamente il titolo non è divertente e trova una strada tutta sua per intrattenere l’attenzione di chi sta giocando. La lentezza infinita è uno dei suoi tratti più negativi, anche in seguito al momento in cui si comprendono le sue reali ragioni concettuali. Tutto è realizzato in maniera estremamente approssimativa per essere un videogioco o qualsiasi altro mezzo espressivo, con evidenti difficoltà generali nella rappresentazione del mondo che ci si para davanti.

Game Legends Stories

Recensione
  • Retired Men’s Nude Beach Volleyball League
    4.5Voto Finale

    Retired Men’s Nude Beach Volleyball League è un titolo abbastanza fumoso, almeno al principio. In seguito alle prime difficoltà comunque costruisce un'esperienza con un suo proprio valore concettuale, imprimendo un'identità, anche estetica, molto calcata... forse fin troppo. Dal punto di vista ludico non intrattiene quasi per nulla, non diverte, e anzi risulta estremamente frustrante se affrontato come mero gioco sportivo, cosa che non è affatto. Lo sport è un pretesto per trascinarti in un mondo fatto di pensieri e frasi, ricordi, nostalgia, memoria e lentezza.

    Trending
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA

    Login
    Loading...
    Sign Up

    New membership are not allowed.

    Loading...