fbpx

Show Dogs: Entriamo in scena – Recensione del nuovo film di Raja Gosnell

Torna sul grande schermo una nuova pellicola che ha per protagonisti cani parlanti
  • Movie
  • Recensione
  • Show Dogs: Entriamo in scena – Recensione del nuovo film di Raja Gosnell

I film sugli animali parlanti sembravano ormai destinati a scomparire definitivamente dai nostri schermi. Nel 2018 poi con una computer grafica che raggiunge i limiti dell’impossibile, non ci si sarebbe aspettati di trovare una pellicola che vede protagonisti cani parlanti mossi da una grafica che lascia desiderare. Ecco che però arriva Show Dogs – Entriamo in scena, nuovo film con cani parlanti che vede Raja Gosnell come regista e come attore principale Will Arnett. Il film incuriosisce fin da subito, con  l’irriverente e simpatico trailer che ci fa intendere la maggior parte della vicenda. Ricorda un po’ i suoi predecessori che in qualche modo hanno segnato l’infanzia di una generazione, da Babe a Beverly Hills Chihuahua, anche se le aspettative potrebbero essere molto basse.

https://www.youtube.com/watch?v=gHtbBsGdUgw

La trama non è nulla di troppo innovativo, una unione tra una commedia e un poliziesco. Il protagonista è un rottweiler di nome Max e fa parte dell’unità cinofila dell’FBI. Per salvare un cucciolo di panda dai trafficanti di animali, si infiltra in una mostra canina a Las Vegas con il suo partner umano Frank, interpretato dall’attore americano Will Arnett. La mostra verrà poi associata ad un escamotage dove in genere il primo classificato viene puntualmente rapito dagli stessi cattivoni citati prima. Inutile dire che il finale è come tutti ve lo aspettate. Nel complesso una trama semplice, classica, che scorre liscia come l’olio. Quello che però  ha strappato più di un sorriso è il modo in cui i doppiatori italiani (ventotto i vip che hanno preso parte a questa impresa) siano riusciti ad adattarsi alle situazioni, inserendo dialetti e modi di dire che hanno reso il tutto ancora più divertente e originale.

Giampaolo Morelli è la voce del protagonista; l’attore ha saputo gestire benissimo il ruolo, aggiungendo il dialetto napoletano costellato da battute e detti. D’altronde anche il doppiatore originale non è americano al cento per cento, infatti è stato il rapper afroamericano Ludacris a prestare la voce al rottweiler. Il vero protagonista indiscusso della scena però è stato sicuramente il chihuahua Felipe, doppiato dal grande Cristiano Malgioglio, dove la maggior parte delle risate scaturivano proprio dalla sua interpretazione spontanea. Anche Barbara D’Urso, Carlo Conti, Giorgio Panariello, Ale e Franz, Valeria MariniMarco Bocci,Claudio Amendola, Michela Andreozzi, Benji e Fede, Giulio Berruti, Carolina Crescentini, Chiara Francini, Nino Frassica, Lino Guanciale, Marco Masini, Lucia Ocone e Francesco Pannofino hanno contribuito a strappare sorrisi e risate interpretando le personalità più differenti dei vari personaggi canini dell’opera che sicuramente vi farà divertire. I veri protagonisti restano comunque i cani, che si sono comportati egregiamente in tutto il film, sfruttando anche una grande varietà di tipi e razze.

Un altro motivo per cui vale la pena andare a vedere Show Dogs è quello che si cela dietro la sua realizzazione: una raccolta di fondi per supportare i canili che accolgono cani randagi e dare una mano all’Oipa per combattere il randagismo. La premiere svoltasi a Roma lo scorso 6 maggio ha fruttato ben 25.000 euro in donazioni per i trovatelli. Durante quell’evento, gli attori italiani hanno sfilato sul red carpet con in braccio dei cani da adottare. Su dieci cani, tre sono stati adottati. La beneficenza è stata presente anche presso il cast italiano, grazie al fatto che tutti gli attori si sono prestati al doppiaggio in modo gratuito e spontaneo, tutti uniti per questa giusta causa.

L’AVM FRITZ!Repeater 1200 è disponibile a un prezzo scontato su Amazon.

Consigliato anche lo smartphone Motorola Edge 5G ecco il link per acquistarlo a un ottimo prezzo.

Recensione
  • Show Dogs: Entriamo in scena
    6Voto Finale

    Un film adatto sicuramente alle famiglie, capace di intrattenere anche i più grandi. La trama non è niente di troppo innovativo, ma può vantare un doppiaggio fenomenale e variopinto ed è retto da una causa da non sottovalutare! Nulla che faccia gridare al miracolo dal punto di vista tecnico o sul piano narrativo, il film è consigliato a tutti coloro che vogliono passare una piacevole serata in compagnia, anche con i più piccini.

    Login
    Loading...
    Sign Up

    New membership are not allowed.

    Loading...