Per Square Enix la localizzazione è un limite per i videogiochi come Dragon Quest

Per Square Enix la localizzazione è un limite per i videogiochi come Dragon Quest

Ormai sappiamo bene quanto i giochi di ruolo, soprattutto quelli giapponesi, stiano prendendo piede negli ultimi anni tra i videogiocatori: una...

  • Home
  • Games
  • News
  • Per Square Enix la localizzazione è un limite per i videogiochi come Dragon Quest

Ormai sappiamo bene quanto i giochi di ruolo, soprattutto quelli giapponesi, stiano prendendo piede negli ultimi anni tra i videogiocatori: una delle serie che l’occidente ha scoperto da poco è quella di Dragon Quest. I primi capitoli erano un’esclusiva americana e giapponese, ma da qualche anno a questa parte, la saga sta acquistando parecchi fan nel mondo, arrivando ad una fama quasi paragonabile a quella del JRPG per antonomasia, ossia Final Fantasy.

Il tema della localizzazione è stato discusso recentemente da Ryota Aomi di Square Enix, che ha espresso la sua riguardo l’argomento, e soprattutto riguardo la localizzazione di Dragon Quest. Secondo Aomi, per noi occidentali non sarebbe facile comprendere l’opera al 100%, in quanto alcuni testi o alcuni riferimenti non avrebbero lo stesso effetto al di fuori del giappone:

Il testo giapponese in Dragon Quest è estremamente interessante, ma ritengo che le prime localizzazioni dei giochi non siano state sufficientemente curate e abbiano danneggiato i giochi.

Eppure non tutti sono d’accordo: Noriyoshi Fujimoto ci tiene a diffondere il verbo di Dragon Quest, e Square Enix è alla ricerca di un modo per compiere tutto ciò.

Se riuscissimo ad individuare l’ostacolo definitivo per la serie, facendola diventare un saga globale, saremmo felici di affrontare la sfida.

E voi credete che la localizzazione rappresenti una rovina per i giochi?

Game Legends Stories

Login
Loading...
Sign Up

New membership are not allowed.

Loading...