Suburra: La Serie - Recensione della terza e ultima stagione

Suburra: La Serie – Recensione della terza e ultima stagione

La terza e attesa stagione di Suburra: La Serie non ci ha pienamente convinti. Scoprite il perché nella nostra recensione.

  BREAKING
Call of Duty continuerà a uscire su PlayStation? Phil Spencer fa chiarezza
Life is Strange: Remastered Collection rinviato per Nintendo Switch
PlayStation: Wrap-Up, come vedere le statistiche del 2021
Ghostwire Tokyo: il PlayStation Store avrebbe svelato la data d’uscita
FIFA 22: rivelato il Team of the Year
Phil Spencer svela le IP a cui è interessato dopo l’acquisizione di Acrtivision Blizzard
Pokémon GO: scoperto un glitch degli scambi, Niantic prende provvedimenti
Future Games Show: rivelata la data ufficiale dello showcase
WWE 2K22 ritorna con Rey Misterio in copertina, trailer e data d’uscita
God of War per PC gira già su Steam Deck, arriva il primo screen
Activision Blizzard: parla Sony, fra accordi ed esclusive Xbox
Nintendo Switch: cosa cambia con l’aggiornamento 1.3.2.1
GTA Remastered Trilogy, il CEO di Take-Two minimizza i problemi tecnici
Pokémon diventa un FPS, fan realizzano un gioco brutale
The Wolf Among Us 2: prime foto, ecco come Telltale si è ripresa dal crollo
Fortnite: leak avrebbe rivelato le skin di Hawkeye
FIFA 22: cosa cambia l’aggiornamento 1.16 su FUT e sul gameplay
Activision Blizzard: il CEO pensò di acquistare dei siti di notizie videoludiche
Dying Light 2 rinviato su Nintendo Switch, è ufficiale
Horizon Forbidden West: nuovo trailer e dettagli sulla storia
Next
Prev

Dopo una lunga – e per certi versi travagliata – attesa, si è infine conclusa Suburra, la serie cult che ci racconta gli intrallazzi che hanno consegnato Roma al “sangue” della corruzione. Aureliano e Spadino al confronto finale con Samurai, Manfredi, tra Chiesa e Politica per mettere le mani su “Mafia Capitale”. Non aspettativi un resoconto dei fatti: la storia (nelle sue atrocità) è stata tutt’altra cosa. Qui si tratta solo di spettacolo, farà piangere, ma anche sorridere; chi vincerà la “guerra” dei quartieri?

Reduci dal finale della seconda stagione di Suburra, con alcuni personaggi che se ne vanno (Gabriele, il figlio del poliziotto, si suicida davanti ai suoi “amici” e Livia Adami) e altri che ritornano (Manfredi, il capo degli Zingari fratello di Spadino esce dal coma), abbiamo visto in anteprima l’ultima stagione di Suburra per 6 episodi da 45/50 minuti. La durata è complessivamente inferiore rispetto alle precedenti, segnale di una veloce saturazione di idee? Chissà. Senza strafare, gli sceneggiatori hanno preferito concludere con un centrato di azione – senza dilungarsi in troppi particolari – per offrire uno spettacolo completo, comunque all’altezza delle precedenti stagioni.

Staticità narrativa e caratteriale

Il focus di quest’ultima stagione di Suburra è incentrata sui protagonisti che restano ancorati (nel bene e nel male) ai loro personaggi. Non c’è una vera evoluzione dei ruoli, né un netto cambiamento di rotta (come, per esempio, accade a Genny Savastano e Ciro di Marzio in Gomorra). Solamente uno di loro farà un percorso più completo, un cammino nel male che lo porterà a fare qualsiasi cosa pur di arrivare al potere. Di certo le emozioni non mancano, ma in realtà sono quelle sensazioni che ci aspettavamo di provare, nulla di più. Ciò che si avverte sempre meno è la tensione (che invece dovrebbe crescere), forse perché le scene clou si ripetono in una modalità sempre similare, senza particolari colpi di scena (quelli che sembrano esserlo finiscono per rivelarsi un po’ scontati) ad attenderci.

Ci troviamo nel pieno della scalata di Aureliano Adami (Alessandro Borghi) e Alberto “Spadino” Anacleti (Giacomo Ferrara) per conquistare il potere sulla Roma di “Mafia Capitale” – sullo sfondo della “guerra” per gli appalti del Porto Turistico di Ostia -, quella “manovrata” da criminali (ora anche quelli di Roma Nord), politici – rappresentati dall’arrivista Amedeo Cinaglia (Filippo Nigro) – e persone influenti del Vaticano (Sara Monaschi, interpretata da Claudia Gerini). Sullo sfondo resta l’ombra di Samurai (Francesco Acquaroli) e dei Siciliani (i Badali), con la rinnovata concorrenza e sete di vendetta di Manfredi Anacleti (Adamo Dionisi), piacevole ritorno sia per la narrativa che per la bravura del suo interprete nel calarsi all’interno di un personaggio così particolare.

SuburraUn “cattivo” come lui, così carismatico, accetterebbe mai di farsi comandare dal fratello più piccolo una volta uscito dal coma? Staremo a vedere. Ogni dialogo che coinvolge Manfredi diventa un dipinto di quello che rappresenta la sua Famiglia di origine Sinti a Roma: potere. Lo vedremo anche esibirsi in una curiosa interpretazione canora che – pur nella crudeltà delle parole che vengono pronunciate – vi farà anche sorridere. Lo spirito quasi tragicomico del personaggio (anche nelle situazioni più amare) lo rende il non-protagonista più trascinante della serie. Arriverete a odiare il suo personaggio per le azioni che compirà, sicuramente lo amerete per la maestria di come è stato portato in scena dal suo interprete. Gli scambi di minacce (esplicite o velate) tra lui, Aureliano e Spadino sono sempre crudi, diretti, ma anche un po’ grotteschi, il che non guasta. Il rapporto di Manfredi con il fratello (non considerato come degno erede al “trono” degli Anacleti) viene approfondito, si deteriora sempre di più, fino a esplodere, con conseguenze drammatiche per tutti.

La “famiglia” Sinti degli Anacleti viene rappresentata in modo davvero scenografico (sia per gli arredamenti della villa che per i costumi) e pittoresco, mostrando un’indole crudele e spietata, ma con delle regole, un codice di comportamento che influirà sul destino di Spadino e Aureliano. I due soci/amici sono accompagnati sempre di più dalle rispettive compagne di vita, Angelica Sale (Carlotta Antonelli) e Nadia (Federica Sabatini) – che qui avranno un vero ruolo da protagoniste -, le quali saranno messe praticamente sullo stesso piano nella “gerarchia” del potere e diverranno sempre più influenti nelle scelte dei rispettivi uomini. La moglie Sinti di Alberto Anacleti, figlia di un altro boss della “famiglia”, è incinta del futuro erede e nutre un perenne sentimento di sofferenza perché a conoscenza della natura omosessuale del marito. La sorprendente interpretazione della Antonelli è una delle note positive della stagione, una conferma per noi. Riesce a mostrare la voglia di Angelica di essere felice e serena, lontana dal malaffare, nella consapevolezza però di avere dentro di sé un carattere più duro del suo ragazzo. Questo la costringerà a prendersi responsabilità enormi.

SuburraMentre tutto questo sembra convincere, quello che regge meno è l’attendibilità dei fatti. Sappiamo che si tratta di spettacolo, la realtà è una questione da magistratura. In Suburra, però, per larghi tratti viene a mancare proprio il senso della realtà. Ci eravamo già accorti nelle precedenti stagioni che i protagonisti avevano la capacità di entrare senza alcun problema nelle abitazioni (basi) di soci/nemici senza che questi se ne accorgessero. Sembrava quasi che avessero le chiavi di tutta Roma, un particolare che continua a ripetersi. In questa stagione diventa addirittura un gioco da ragazzi spostare cadaveri in luoghi simbolo davvero improbabili da raggiungere con un sacco nero in spalla. Inoltre nessuno arriva a credere che certi scaltri malavitosi con anni di esperienza arrivino a cadere in trappole tanto banali quanto scontate. Altri colpi di scena da definire “importanti” sanno poi davvero di già visto. Le motivazioni che portano a decisioni drastiche (soprattutto nel finale di stagione) non sempre vengono giustificate e spiegate e anzi, certe scelte risultano davvero difficili da comprendere e finiscono per emozionare meno proprio perché immotivate.

Le numerose scene di azione presenti in questa terza stagione di Suburra (tra sparatorie e inseguimenti) sono ben realizzate, anche se c’è qualche esplosione di troppo da action-movie di serie B. Borghi è capace di celarsi perfettamente dentro la tensione dei conflitti a fuoco, si veste bene nel ruolo del duro da uccidere (un po’ troppo alla John McClane di Bruce Willis, appunto) di Aureliano Adami. Si muove sempre di persona – caratteristica che rimane tale in tutta la serie -, il che lo rende una sorta di giustiziere/vendicatore solitario che poco si concilia con il suo ruolo da boss. Questo suo lato ingestibile avrà conseguenze decisive sull’esito della scalata al potere. Chi vincerà?

Game Legends Stories

Recensione
  • Suburra: La Serie - Terza episodio
    6.5Voto Finale

    Giunti alla resa dei conti, risulta difficile non vedere questa terza stagione di Suburra: La Serie come una grande occasione sprecata. Alcune buone scelte registiche e un'ottima interpretazione dei personaggi non bastano infatti a reggere il peso di un'opera che si perde per strada molto velocemente, tra una staticità caratteriale piuttosto marcata e un'attendibilità dei fatti in buona parte assente. Parliamo indubbiamente di una produzione che si lascia guardare con piacere ma che, al contempo, non riesce mai a raggiungere le vette qualitative che ci saremmo aspettati.

    Trending
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA

    Login
    Loading...
    Sign Up

    New membership are not allowed.

    Loading...