fbpx

WandaVision – Recensione del quarto episodio della serie Disney+

Un episodio che ci offre un nuovo punto di vista, mettendo in risalto i personaggi che, esattamente come noi, stanno cercando di comprendere cosa succede ai due novelli sposini
  • Movie
  • Recensione
  • WandaVision – Recensione del quarto episodio della serie Disney+

Disney e Marvel sono tornati a deliziarci grazie al quarto episodio di WandaVision, la serie che vede come protagonisti Wanda Maximoff e Visione, rispettivamente interpretati da Elizabeth Olsen e Paul Bettany, e che lo scorso 15 gennaio ha dato ufficialmente il via alla quarte fase del Marvel Cinematic Universe. Questa si presenta dopo l’incredibile successo della terza, conclusasi ufficialmente con le avventure del simpatico arrampicamuri di quartiere Peter Parker in Spider-Man: Far From Home. Il titolo andrà a collegarsi direttamente ad alcuni dei prodotti in uscita nel corso dei prossimi anni, nello specifico con Doctor Strange: In the Multiverse of Madness e con Spider-Man 3 (titolo provvisorio in quanto quello reale non è stato ancora annunciato ufficialmente), gettando le basi sull’introduzione del Multiverso e sul futuro dell’intero MCU. La serie è composta da nove puntate, che saranno rilasciate ogni venerdì mattina sulla piattaforma streaming Disney+.

Un nuovo punto di vista

Questo quarto episodio si discosta completamente dagli altri, mettendo in primo piano i personaggi che, esattamente come noi, stanno cercando di capire che cosa sta succedendo a Wanda e Visione, unendo i puntini ed elaborando teorie sul destino degli abitanti WestView. La scena si apre in maniera inaspettata, mostrando Geraldine/Monica Rambeau (Teyonah Parris) tornare in vita cinque anni dopo lo schiocco delle dita di Thanos, grazie al reverse snap di Hulk, il sacrificio di Tony Stark e tutti gli altri avvenimenti che abbiamo avuto modo di vedere all’interno di Avergers: Endgame. Questo flashback ci permette di posizionare WandaVision all’interno della timeline dei prodotti del Marvel Cinematic Universe, mostrando al pubblico alcune informazioni e dettagli fondamentali per quanto riguarda la gestione e l’introduzione dei nuovi personaggi all’interno del suddetto universo cinematografico.

Se, dopo una serie di bizzarri ed inquietanti avvenimenti, il terzo episodio ci mostrava Monica uscire forzatamente dall’utopica realtà presumibilmente creata da Wanda, questo ci presenta invece il modo in cui è entrata, risucchiata quasi per errore dalla misteriosa barriera che circonda la cittadina. L’impossibilità di comunicare con gli abitanti di WestView e la scomparsa di una persona sotto custodia protettiva hanno spinto lo S.W.O.R.D. (Sentient World Observation and Response Department) a coinvolgere nella ricerca un raffazzonato gruppo di studiosi, tra i quali possiamo trovare anche Darcy Lewis (Kat Dennings), l’astrofisica che abbiamo già avuto modo di conoscere all’interno di Thor e Thor: The Dark World. Darcy sarà accompagnata da Jimmy Woo, l’agente dell’FBI già presentato all’interno del Marvel Cinematic Universe in Ant-Man and the Wasp. I due personaggi si troveranno costretti a mettere insieme i pezzi e a capire che cosa sta succedendo ai due novelli sposini che, nel frattempo, continuano a prendersi cura di Billy e Tommy, i due gemelli nati nello scorso episodio.

WandaVision

La vera minaccia

L’utopia che si era venuta a creare nei primi episodi sembra pronta a infrangersi e i toni scherzosi e divertenti, deliberatamente ispirati alle sitcom americane degli anni ’50, ’60 e ’70 sembrano lasciare sempre più spazio ad un destino inquietante e infelice per i nostri protagonisti e nello specifico per Wanda, già messa alla prova emotivamente da Geraldine nello scorso episodio. Il focus si sposta su di loro solo negli ultimi minuti e, nonostante la presenza di questi sia stata decisamente marginale, basteranno pochi istanti per comprendere al meglio in che modo gli eventi della scorsa puntata hanno avuto delle forti ripercussioni sulla mente della donna, sempre più vittima dei propri sentimenti, in bilico tra realtà e finzione.

Sebbene questo episodio sembri interrompere improvvisamente la magia che gli altri erano riusciti a creare in queste settimane, questa breve interruzione del programma risolve alcuni dei quesiti che circondano la serie, oltre ad offrirci tanti altri interrogativi da risolvere. E anche se la gestione dei tempi non è stata in grado di convincere tutti gli spettatori ed è al momento uno degli aspetti maggiormente criticati dall’intera produzione (oltre al tanto discusso rilascio settimanale), WandaVision si dimostra nuovamente come un prodotto gestito in maniera impeccabile, in grado di condensare all’interno dei suoi tempi estremamente ridotti grandi rivelazioni, colpi di scena e nuove sorprese per gli spettatori. A dimostrazione di questo il nuovo episodio ci lascia intendere, e neanche in maniera tropo velata, che la serie ha molto altro da offrirci e che tutte le certezze degli spettatori sono pronte ad essere distrutte da un momento all’altro.

WandaVision

WandaVision continua a presentarsi come un esperimento perfettamente riuscito, in grado di mantenere alto l’interesse degli spettatori e scatenare un sempre costante flusso di idee, teorie e supposizioni nel pubblico. L’intera serie è costellata di indizi e riferimenti, oltre a delle meravigliose citazioni dedicate agli appassionati e ai lettori degli spillati Marvel Comics, strizzando prepotentemente l’occhio al futuro dell’intero Marvel Cinematic Universe. La quarta fase si giostrerà tra uno sperimentale intreccio degli avvenimenti presentati all’interno delle serie televisivi e quelli che più successivamente verranno mostrati nelle sale cinematografiche. WandaVision, si offre come un vero e proprio punto di svolta per l’universo che abbiamo avuto modo di conoscere nel corso di questi anni, in qualità di apripista dopo i numerosi rinvii di Black Widow e di Falcon and the Winter Soldier. L’introduzione del Multiverso, nuovi personaggi e nuove possibilità si condensano in questo show in tutto il loro splendore per gettare ufficialmente le basi su un sentiero completamente nuovo ed inesplorato, che sicuramente sarà in grado di offrirci nuove esperienze ed emozioni. Non ci resta che rimanere in attesa del prossimo venerdì per scoprire in che modo i Marvel Studios saranno in grado di stupirci di nuovo.

Le cuffie Sony WH-CH700 sono disponibili a un prezzo scontato su Amazon.

Consigliate anche le cuffie con Bluetooth 5 Aukey, ecco il link per acquistarle a un prezzo stracciato inserendo il codice sconto YO8IHPVZ.

Recensione
  • WandaVision
    8Voto Finale

    Il quarto episodio di WandaVision mette in risalto tutti quei personaggi che, in modo molto simile agli spettatori, si trovano costretti a mettere insieme i pezzi e analizzare le ipotesi per capire quale sarà il destino di Wanda, Visione e di tutti i cittadini di WestView. Un nuovo punto di vista, che ci offre numerose risposte ma, allo stesso tempo, apre nuovi ed inquietanti interrogativi. L'incredibile interpretazione dei protagonisti e la scrittura coincisa e coerente degli sceneggiatori ci mettono di fronte un prodotto praticamente impeccabile, un approccio sperimentale a quello che sarà il futuro dell'intero Marvel Cinematic Universe.

    Login
    Loading...
    Sign Up

    New membership are not allowed.

    Loading...