Windtre: uno spot diventa esperimento sociale sulle gamer

Windtre: uno spot diventa esperimento sociale sulle gamer

Windtre ha da poco pubblicato uno spot che diventa un esperimento sociale sulle gamer, specialmente riguardo le partite online con microfono.

  • Home
  • Games
  • News
  • Windtre: uno spot diventa esperimento sociale sulle gamer
  BREAKING
Destruction AllStars potrebbe diventare presto gratis per tutti
Steam Deck: la console di Valve ha una data d’uscita
Xbox Game Pass: più chiarezza sui rinnovi dopo un’indagine
PlayStation Plus: annunciati i giochi gratis di febbraio 2022
PlayStation 5 può ora caricare video e screen in automatico su mobile
Horizon Forbidden West: confermata la durata, ci sarà molto da giocare
Dying Light 2: arriva la roadmap con i prossimi aggiornamenti e DLC
Crysis 4 compare online, confermato il nuovo capitolo [AGGIORNATA]
Call of Duty Warzone 2 sarebbe vicino, ma come esclusiva Xbox
MotorStorm: Sony avrebbe iniziato i lavori sul reboot
GTA Vice City sostituirà GTA 3 come gioco gratis nel PlayStation Now?
Activision Blizzard annuncia un’IP survival in un nuovo universo
Super Mario Odyssey completato nella speedrun più confusionaria che mai
FIFA 22: il nuovo bonus gratis di Prime Gaming è in tempo per il TOTY
Google Stadia Pro: Life is Strange e gli altri giochi gratis a febbraio 2022
Star Wars: Jedi Fallen Order 2 vicino? Insider anticipa novità sui vari giochi
Romics 2022: aperta ufficialmente la vendita dei biglietti
Star Wars: in arrivo un FPS, uno strategico e il sequel di Jedi: Fallen Order
Genshin Impact: leak della versione 2.6 anticipa un atteso rerun
God of War spinge gli utenti PC a comprare una PlayStation 5
Next
Prev

Attraverso una collaborazione con lo YouTuber e gamer Tuberanza, Windtre ha realizzato uno spot in cui viene attuato un esperimento sociale che vede al centro le gamer, mostrando perché le ragazze giochino online senza microfono acceso. Il video è stato realizzato per sensibilizzare tutti ed è stato postato lo scorso 25 novembre, la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Il gamer è stato invitato a giocare con una PS5, che è ancora colpita dalla crisi di materia primacon il microfono acceso e un modulatore che cambiava la sua voce in femminile, in modo da riproporre l’esperienza vissuta anche da moltissime ragazze. Le statistiche dicono infatti che il il 72% delle donne spegne le comunicazioni quando gioca online.

Il video, in evidenza in questa news, evidenzia alla perfezioni le ragioni di questa scelta, mettendo lo YouTuber in condizioni di non riuscire a continuare a sostenere una sessione online per più di tre ore. Tuberanza viene poi raggiunto da Diletta Belagi, YouTuber e ambassador Windtre delle donne.

I due si confrontano su quella che è la violenza di genere, che si mostra anche negli insulti dati alle donne quando giocano online, che porta molte di loro a staccare il microfono per evitare di essere interrotte o derise. Questo social experiment evidenzia ancora di più come quella percentuale che continua a giocare tenendo il microfono acceso sia la vera vincitrice della partita.

I commenti sotto al video su YouTube testimoniano ancora di più questo enorme e pesante numero, con esperienze di moltissimi videogiocatrici che raccontano delle loro sessioni online, piene di insulti e parolacce. Nonostante tutto moltissime di loro continuano ad andare avanti, esprimendo la loro libertà di essere donne gamer, che hanno trovato una nuova voce anche grazie a questo spot di Windtre.

La violenza di genere riguarda anche l’impedire a una donna di essere se stessa online ed è una pratica che deve fermarsi il prima possibile, grazie anche alla testimonianza di altre gamer o di esperimenti sociali come questo. La violenza va combattuta in ogni sua forma, anche all’interno del mondo dei videogiochi.

Fonte:

Game Legends Stories

Trending
ISCRIVITI ALLA NOSTRA

Login
Loading...
Sign Up

New membership are not allowed.

Loading...