World of Warcraft: Battle for Azeroth - Recensione (Work in Progress) della nuova espansione dell'MMORPG Blizzard

World of Warcraft: Battle for Azeroth – Recensione (Work in Progress) della nuova espansione dell’MMORPG Blizzard

Dopo la sconfitta della legione Infuocata, la pace sembra tornare su Azeroth, finché i goblin di Gallywix non scoprono un nuovo minerale che...

  • Home
  • Games
  • Recensione
  • World of Warcraft: Battle for Azeroth – Recensione (Work in Progress) della nuova espansione dell’MMORPG Blizzard

Dopo la sconfitta della legione Infuocata, la pace sembra tornare su Azeroth, finché i goblin di Gallywix non scoprono un nuovo minerale che sgorga dalle profondità dell’anima del pianeta: l’Azerite. Sarà proprio questo minerale a portare Lady Sylvanas all’attacco e alla distruzione della capitale nei Night Elf e che porterà l’Alleanza al contrattacco su Lordaeron, scacciando i non-morti dalla loro capitale. Proprio la grande città, grazie ad un piano di Sylvanas, diventerà un vero e proprio campo desolato grazie all’attivazione di bombe simultanee che hanno portato del potente veleno a spargersi al suo interno. Il conflitto fra Orda e Alleanza è al culmine. Eccoci entrati quindi in una nuova era di odio, una nuova espansione, World of Warcraft: Battle for Azeroth.

world of warcraft: battle for azeroth

Nuove zone e Nuovi alleati

Un nuovo conflitto ha bisogno di due cose: nuovi alleati e risorse! Vediamo come l’Orda e L’alleanza si sono mosse per il dominio su Azeroth in questa nuova espansione.

Nelle fila dell’Orda troviamo i Tauren di Alto Monte, i Nobili Oscuri e gli Orchi Mag’Har:

  • I Tauren di Alto Monte hanno deciso di schierarsi al fianco dei loro simili di Kalimdor per prestare all’Orda la loro antica e potente forza.
  • I Nobili Oscuri si sono sentiti attratti da come gli Elfi del Sangue siano riusciti a liberarsi dalla dipendenza della magia arcana e voglio trovare un posto nel mondo in grado di aiutarli.
  • Gli ultimi invece sono gli Orchi non corrotti che si trovano sulla vecchia Draneor e che hanno rifiutato il patto con la legione, anche nel loro mondo però sta succedendo qualcosa di strano e l’unica opzione è entrare nelle fila dell’Orda.

Dall’altra parte invece, uniti all’Alleanza, troviamo i Draenei Forgialuce, gli Elfi del Vuoto e i Nani Ferroscudo:

  • I Draenei Forgialuce, dopo aver combattuto per decenni su Argus contro la Legione Infuocata, hanno trovato come mezzo di sopravvivenza e resistenza l’infondersi con la Luce Sacra. Ora la loro nuova missione è proteggere Azeroth reprimendo la malvagità intrinseca dell’Orda.
  • Gli Elfi del Vuoto hanno seguito gli insegnamenti della prima della loro razza e, sotto la guida di Alleria Ventolesto sono riusciti a controllare l’altra parte della luce, ovvero il Vuoto. Dopo aver visto le atrocità portate dalla sua sorella non morta, ha deciso di portare la loro razza in favore dell’Alleanza.
  • I Nani Ferroscudo invece hanno seguito la moglie del loro Ex Leader, Moira Tahurissan, nell’intento di riunificare tutti e tre i clan dei nani sotto un unico tetto, collaborando così tutti uniti alla lotta contro L’Orda.

World of Warcraft: Battle For Azeroth

Tutte e 6 le razze alleate saranno sbloccabili grazie al completamento di alcuni achievements e a quello di una piccola catena di missioni che porteranno i giocatori a capire le motivazioni e le scelte delle razze alleate alle proprie fazioni.

Una volta entrati nel gioco vero e proprio entreremo nelle nuove zone: Kil Tiras sarà quella scelta per l’Alleanze. qui Jaina cercherà di ritrovare la fiducia persa del suo popolo natio, portando all’allenza una delle più potenti flotte navali di sempre. Dall’altra parte L’Orda aiuterà la principessa degli Zandalari a tornare a casa, e lì sarà nostro compito aiutarla a capire cosa stanno tramando le tribù dei Troll del Sangue nelle fantastiche terre di Zandalar. Una volta finite determinate missioni e achievement, saranno sbloccabili come razze anche i Troll Zandalari e gli Umani di Kul Tiras.

Gli appassionati del combattimento PvP saranno felici di sapere che da metà agosto potranno mettere le mani su di un nuovo Battleground a tema Azerite ambientato nella zona di Seething Shore, oltre che su nuove Brawl sempre più avvincenti. Inoltre, con l’arrivo della nuova espansione, ci salutano i server dedicati al PvP, in quanto sarà possibile modificare il proprio status su ogni tipologia di server: i giocatori più audaci verranno ricompensati con un aumento dei punti exp e con dei bonus delle missioni. I vostri personaggi dedicati al PvE invece avranno accesso a 10 nuovi dungeon e diversi nuovi raid, che molto probabilmente inizieranno con la caduta di Queen Azshara. Per terminare con una buona notizia sappiate che Battle for Azeroth estenderà il level scaling dinamico a tutte le zone di World of Warcraft, permettendo a qualsiasi giocatore di avventurarsi nelle zone che preferisce a prescindere dal livello di riferimento.

World of Warcraft: Battle For Azeroth

Azerite, Cuore di Azeroth e nuovi Set Talenti

Dopo aver perso le nostre armi Leggendarie, il buon Barbabronze ci darà accesso ad un artefatto leggendario chiamato il Cuore di Azeroth. Questa speciale collana sarà potenziabile con l’Azerite che troveremo durante il gioco e darà la possibilità al nostro torso, ai nostri spallacci e al nostro elmo di personalizzare dei bonus di questi artefatti. Ogni equipaggiamento avrà a disposizione un ramo talento cilindrico nel quale potremo scegliere i talenti da inserire al suo interno. Ogni equipaggiamento avrà al suo interno dei talenti differenti in base al nome dell’oggetto: Se infatti prenderemo lo stesso oggetto in un’istanza normal o in un eroica, cambieranno solo le statistiche che daranno i bonus: questi però affliggeranno le stesse magie o statistiche di quello preso nel normal dungeon. Questa nuova costumizzazione abbatte i canoni di gear che ci sono stati fino all’esapansione precedente dove, per avere un bonus, bisognava indossare dei pezzi che facessero parte dello stesso gear set; ora invece, grazie a questi nuovi talenti, avremo a disposizione una customizzazione ancora più personale e un inferiore sbilanciamento di bonus fra i vari set e le varie specializzazioni della nostra classe.

Un modo per poter collezionare dell’Azerite, oltre dungeon e raid, sono le Scorrerie sulle Isole, e il Fronte di Guerra. La prima novità ci permetterà di unirci ad altri 2 giocatori in vere e proprie scorribande su isole inesplorate e ricche di tesori (e soprattutto di Azerite)! Questa nuova modalità si presenta a noi con la possibilità di scontri contro la IA, oppure contro squadre di altri giocatori. Una delle migliori particolarità di queste mappe consiste nella loro dinamicità: queste isole infatti si creeranno sempre in maniera diversa per non dare mail al giocatore un senso di ripetizione e noia; ad aggiungersi a questo, troviamo ben quattro livelli diversi di difficoltà ad attenderci al nostro sbarco sulle isole inesplorate!

La modalità del Fronte di Guerra, ci darà la possibilità di unirci ad un party di 20 membri per collaborare alla realizzazione di una vera e propria base da combattimento, dove potremo creare e potenziare le nostre armate per mandarle all’assalto verso le forze rivali.

AI o Giocatori?

Prima di concludere vorrei dedicare anche un piccolo spazio all’asset PvE e PvP della nuova espansione World of Warcraft: Battle for Azeroth. gli appassionati del PvE avranno a disposizione la bellezza di 10 nuovi dungeon e raid; chi invece è appassionato di PvP si ritroverà una gradita sorpresa fra le mani durante il leveling: cambiando il proprio asset da PvE a PvP infatti, i giocatori più agguerriti saranno ricompensati da maggiore Exp dalle missioni, i più cauti invece potranno godersi il gioco in santa pace lasciando semplicemente in modalità “Off” quella determinata opzione.

Per ora è tutto: ci prenderemo il giusto tempo per continuare questa magnifica avventura in World of Warcraft: Battle of Azeroth, e solo dopo aver esplorato ogni anfratto del gioco Blizzard emetteremo il nostro giudizio. Restate sintonizzati!

Game Legends Stories

Recensione
  • World of Warcraft: Battle for Azeroth

    Come al solito la Blizzard ha realizzato un'ottima espansione, nella quale troviamo nuovi e vecchi assets rivisitati a puntino, per regalarci sempre una nuova esperienza di gioco. L'inserimento di nuove classi - e soprattutto di nuove modalità - ma anche delle modifiche sostanziali nello scheletro generale, rendono World of Warcraft: Battle for Azeroth un gioco ben diverso da quello che ci aveva abituato fin ora. Una boccata d'aria fresca che saprà tenere incollati i giocatori allo schermo per molto tempo!

    Login
    Loading...
    Sign Up

    New membership are not allowed.

    Loading...