La Dea Fortuna - Recensione del nuovo film di Ferzan Ozpetek

La Dea Fortuna – Recensione del nuovo film di Ferzan Ozpetek

Il nuovo film del regista di "La Finestra di Fronte" e "Mine Vaganti". Ecco la nostra recensione de La "Dea Fortuna" di Ozpetek

  BREAKING
Call of Duty Warzone 2 sarebbe vicino, ma come esclusiva Xbox
MotorStorm: Sony avrebbe iniziato i lavori sul reboot
GTA Vice City sostituirà GTA 3 come gioco gratis nel PlayStation Now?
Activision Blizzard annuncia un’IP survival in un nuovo universo
Super Mario Odyssey completato nella speedrun più confusionaria che mai
FIFA 22: il nuovo bonus gratis di Prime Gaming è in tempo per il TOTY
Google Stadia Pro: Life is Strange e gli altri giochi gratis a febbraio 2022
Star Wars: Jedi Fallen Order 2 vicino? Insider anticipa novità sui vari giochi
Romics 2022: aperta ufficialmente la vendita dei biglietti
Star Wars: in arrivo un FPS, uno strategico e il sequel di Jedi: Fallen Order
Genshin Impact: leak della versione 2.6 anticipa un atteso rerun
God of War spinge gli utenti PC a comprare una PlayStation 5
Gran Turismo 7 verrà rinviato? Sony avrebbe cancellato un evento
Star Wars: Knights of the Old Republic, nuovo gioco in sviluppo senza EA?
Abandoned: un file audio nascosto rivela la verità sul progetto?
Fable e Gears of War: delle remastered sarebbero in sviluppo
Zelda 64: il porting su PC di un fan sarebbe quasi completo
Warcraft 3: un modder sta realizzando la remaster della campagna
FIFA 22: ecco i centrocampisti TOTY disponibili nei pacchetti
Dark Souls: i server creavano vulnerabilità ai PC, FromSoftware al lavoro
Next
Prev

Alessandro (Edoardo Leo) e Arturo (Stefano Accorsi) stanno insieme da quindici anni e il loro è un affetto importante, ma la passione è svanita e il loro rapporto è in crisi. L’arrivo inaspettato nella loro vita dei bambini di Annamaria (Jasmine Trinca), migliore amica di Alessandro e figura di riferimento della coppia, affidatigli mentre lei si sottopone a controlli medici, potrebbe dare nuova vita al loro amore. O dargli il colpo di grazia e condurlo verso la sua inevitabile e dolorosa fine. Tra personaggi straordinari, gesti di meravigliosa follia e passione, Ferzan Ozpetek ritorna a raccontare la ricerca faticosa della felicità e la purezza degli affetti.

La Dea Fortuna ha un segreto, un trucco magico. Come fai a tenere sempre con te qualcuno a cui vuoi molto bene? Devi guardarlo fisso, rubi la sua immagine, chiudi di scatto gli occhi, li tieni ben chiusi. E lui ti scende fino al cuore e da quel momento quella persona sarà sempre con te.

Un piacevole ritorno ai successi del passato quello de La Dea Fortuna, dove il regista turco traccia nuovamente la poesia dei migliori capitoli della sua filmografia: a metà tra Le Fate Ignoranti (2001) e Saturno Contro (2007), Ozpetek disegna un universo familiare allargato e colorato (dove non poteva mancare la musa del regista, la simpaticissima Serra Yilmaz), giustificato non da rapporti di sangue ma dalla forza dei legami, un condominio (e qui i rimandi a Le Fate Ignoranti sono inevitabili) che è una grande casa, un grande cuore. E poi una coppia, un amore tra due persone diverse e complementari (Alessandro, ruvido ma saggio idraulico, e Arturo, traduttore acculturato tendente al capriccio) in crisi da tempo. E infine la malattia, altro topos narrativo del regista, qui quella celebrale di Annamaria, che aleggia sulla sua vita di lei e dei suoi cari, mette alla prova gli affetti, sconvolge il presente e disegna un futuro incerto.

La Dea Fortuna - Recensione

Ozpetek ci tiene a dire che questo suo ultimo film è un film corale, fatto di personaggi sicuramente irrinunciabili, ma al centro di questo universo c’è una coppia incapace di capire cosa ne è stato della passione che condividevano e cosa ne sarà del loro futuro insieme. La Dea Fortuna è la storia di un amore che finisce, o forse si è perso tra le troppe aspettative, oppure ancora ha solo cambiato forma. E sarà forse la comparsa di questi due bambini, sicuramente anomali (Martina, estremamente sveglia per la sua età, e Alessandro, dotato di una empatia straordinaria) a dare nuova vita alla coppia e nuova forma al loro rapporto (non più amanti, ma genitori).

Il regista non costruisce una storia al dettaglio, lascia piuttosto respirare le situazioni e illuminare i tanti personaggi, rendendo il film eccezionalmente caldo e sincero. La Dea Fortuna non è nulla di nuovo né si distingue da lavori sicuramente migliori di Ozpetek, ma è comunque generoso di sentimento, di lodevoli performance (con lodi particolari al personaggio di Edoardo Leo, pragmatico e ruvido proletario dal cuore di padre) e di momenti incantevoli: la scena del “ballo” sotto la pioggia, accompagnata dal ritmo esotico e dalla voce della cantante turca Sezen Aksu (già presente in Mine Vaganti), rimarrà con voi ben dopo i titoli di coda. Garantito.

Game Legends Stories

Recensione
  • La Dea Fortuna
    8.2Voto Finale

    Ferzan Ozpetek torna ai successi che hanno reso celebre il suo cinema con una storia di amori allo sbaraglio, famiglie allargate, personaggi straordinari e tanti sentimenti.

    Trending
    ISCRIVITI ALLA NOSTRA

    Login
    Loading...
    Sign Up

    New membership are not allowed.

    Loading...