fbpx

Le esclusive Sony “scomparse” che vorremo rivedere su PlayStation 5

Sony è famosa per le sue molte esclusive, ma alcune di esse sono ormai scomparse dai radar. Quali vorremmo rivedere su PlayStation 5?

Nel corso degli anni, Sony è diventata sinonimo di “esclusiva”. Vari infatti sono i titoli usciti sulle diverse piattaforme PlayStation che hanno deliziato i fan. Titoli fantastici che sono entrati in certe occasioni anche nella storia dei videogiochi. Tuttavia, a prescindere dalla qualità di questi titoli, a volte certe saghe spariscono nel nulla, anche senza una motivazione specifica. Eppure ci sono titoli che i fan continuano a chiedere a gran voce, senza abbandonare la speranza per un possibile revival di una serie ormai fuori dai radar. E con il sempre più vicino avvento della nuova generazione e di PlayStation 5, cominciare a sognare il ritorno di grandi nomi del passato è d’obbligo. Quali sono dunque le esclusive “scomparse” che vorremmo rivedere sulla prossima console targata Sony?

Heavenly Sword

Uscito nel 2007 e sviluppato da Ninja Theory, Heavenly Sword aveva il compito di mostrare agli utenti PlayStation 3 le potenzialità della console. Il titolo in questione a livello tecnico era incredibile per gli standard di allora e poteva contare anche sulla partecipazione di Andy Serkis, sia come attore che come Director. A livello di gameplay era leggermente acerbo e poco longevo, ma le potenzialità per un grande sequel c’erano tutte. Purtroppo però non se ne fece più nulla e i Ninja Theory si concentrarono su altri progetti. Nariko non è però stata dimenticata da mamma Sony, la quale ha inserito il personaggio nel roster di PlayStation All-Stars Battle Royale, cosa che fa in parte ben sperare per il futuro. E a proposito del famigerato picchiaduro…


PlayStation All-Stars Battle Royale

Sì, proprio il famigerato picchiaduro etichettato da tutti (a ragion veduta) come il “clone di Super Smash Bros.” Sì, i punti di contatto con la serie targata Nintendo sono palesi, e Sony non ha di certo fatto passare il suo titolo per qualcosa di innovativo. Come se nel mondo dei videogiochi (e non solo) non esistessero dei “plagi d’autore”. Detto ciò, con tutti i suoi limiti, il titolo targato Sony era divertente e un nuovo capitolo della serie potrebbe correggere certe mancanze e difetti del suo predecessore, e soprattutto aggiungere un maggior numero di personaggi al roster.

Syphon Filter

La serie sviluppata da SCE Bend Studio, all’epoca dell’uscita del primo capitolo nel 1999 per PlayStation, fu ritenuta da molti la brutta copia del ben più celebre Metal Gear Solid, uscito l’anno prima. Inizialmente ignorato da molti, riuscì col tempo a crearsi un suo pubblico di affezionati, cosa che spinse Sony a finanziare dei seguiti. Uscirono due ulteriori titoli per la prima PlayStation, un capitolo per PlayStation 2 e due videogiochi per PlayStation Portable (con rispettive conversioni su PS2). L’ultimo titolo della serie uscì nel 2007, e da allora silenzio radio. I ragazzi di SCE Bend Studio si sono dedicati ad altri progetti (come il recente Days Gone), e di un nuovo capitolo di Syphon Filter per ora non se ne parla.

Gravity Rush

Gravity Rush 2La sorte di Gravity Rush è stata infausta fin dalla sua nascita. Sarebbe dovuto essere, assieme ad Uncharted: Golden Abyss, il titolo che avrebbe trascinalo la nuova console portatile Sony, ovvero PlayStation Vita, ma sappiamo tutti come andò a finire. La Sony ha comunque tentato di salvare il franchise, visto che Gravity Rush aveva riscosso un buon successo di critica. Nel 2016 uscì una versione del gioco rimasterizzata chiamata Gravity Rush Remastered e l’anno successivo uscì il seguito, intitolato Gravity Rush 2. Purtroppo però quest’ultimo, a livello di vendite, è stato un vero e proprio fiasco, e difficilmente vedremo un nuovo capitolo. Ma chissà.

InFAMOUS

Seppur l’ultimo capitolo della serie abbia accompagnato il lancio di PlayStation 4, da allora di InFAMOUS si sono perse le tracce. Sviluppato dai ragazzi di Sucker Punch Productions, il primo InFAMOUS uscito nel 2009 fu molto apprezzato da critica e pubblico e il suo sequel confermò questo amore da parte dei fan. Nei panni di Cole MacGrath, un conduit con abilità sovrumane legate all’elettricità, avremmo dovuto decidere che tipo di personaggio essere, se un eroe o un infame. Il capitolo uscito per PlayStation 4, Second Son, fu accolto in maniera molto più tiepida pur rimanendo un buon prodotto. Attualmente i Sucker Punch sono impegnati con lo sviluppo di Ghost of Tsushima, e ciò significa che per almeno qualche altro anno di un nuovo capitolo della saga non se ne parlerà.

Sly Cooper

Altra serie dei Sucker Punch, altra esclusiva lasciata a prendere polvere. Il franchise che vedeva protagonista l’antropomorfo procione è stato un punto fermo dell’era PlayStation 2, ma nel passaggio a PlayStation 3 qualcosa deve essere andato storto. Sly Cooper: Ladri nel Tempo (uscito anche per PlayStation Vita), seppur apprezzato da critica e pubblico non ha riscosso il successo sperato a livello economico. Come abbiamo già detto, i Sucker Punch sono a lavoro su una nuova IP e difficilmente vedremo il ladro gentiluomo in tempi brevi.

Resistance

Resistance: Fall of Man, uscito in contemporanea al lancio di PlayStation 3 nel 2006, ebbe un successo sorprendente. L’FPS sviluppato da Insomniac Games riuscì a dire la sua nel vastissimo panorama degli sparatutto in prima persona. Il successo dell’esclusiva Sony portò la serie a proseguire. Dopo un seguito che migliorò in tutto il capitolo precedente si passò a un terzo episodio che deluse molti fan. A questo si aggiunge un terribile spin-off in esclusiva per la sfortunata PlayStation Vita, quel Burning Skies del 2012 che attualmente sembra aver messo la pietra tombale sulla serie. Ted Price, CEO di Insomniac, ha dichiarato che il suo team non ha intenzione di lavorare a un nuovo capitolo della saga. Visto l’incredibile successo di Marvel’s Spider-Man, sviluppato proprio da Insomniac, pare che le cose non siano destinate a cambiare nell’immediato. Che Sony possa affidare il franchise a un altro studio?

Jak & Daxter

Di tutti i franchise fin qui elencati, la “morte” della serie di Jak & Daxter è probabilmente quella che fa soffrire di più i fan di tutto il mondo. Creata dai ragazzi di Naughty Dog, di Jak & Daxer si sono perse le tracce dal 2009 quando su PlayStation Portable e PlayStation 2 uscì Una sfida senza confini, titolo che rappresentava a tutti gli effetti uno nuovo capitolo ufficiale della serie seppur sviluppato da un altro team (gli High Impact Games). Da allora solo una remastered delle trilogia su PlayStation 3 e PlayStation Vita e tanto, tanto silenzio. Jak & Daxter devono tornare, lo vogliono i fan e probabilmente lo vuole anche la Sony, che sta aspettando il momento giusto per lanciare la bomba. Incrociamo le dita!

E poi…

Le esclusive “in disuso” di Sony non finiscono di certo qui. The Order, Ape Escape, Parappa the Rapper, SOCOM, Twisted Metal… insomma, la compagnia di Tokyo ha molte frecce al suo arco e con l’arrivo di PlayStation 5 qualcosa si muoverà. O forse verranno annunciate nuove IP, chi può dirlo. Di certo Sony con gli anni ha dimostrato che non si fa troppi problemi a mandare in pensione alcuni suoi marchi di punta, e questo per certi aspetti è anche un innegabile pregio.

Game Legends Stories

ISCRIVITI ALLA NOSTRA

Login
Loading...
Sign Up

New membership are not allowed.

Loading...