PUBG: Battlegrounds, il creatore Krafton fa causa ad Apple e Google

PUBG: Battlegrounds, il creatore Krafton fa causa ad Apple e Google

Krafton, creatore di PUBG: Battlegrounds, ha fatto causa ad Apple e Google per la vendita di alcuni videogiochi sviluppati da Garena.

  • Home
  • Games
  • News
  • PUBG: Battlegrounds, il creatore Krafton fa causa ad Apple e Google
  BREAKING
Star Wars: Jedi Fallen Order 2 vicino? Insider anticipa novità sui vari giochi
Romics 2022: aperta ufficialmente la vendita dei biglietti
Star Wars: in arrivo un FPS, uno strategico e il sequel di Jedi: Fallen Order
Genshin Impact: leak della versione 2.6 anticipa un atteso rerun
God of War spinge gli utenti PC a comprare una PlayStation 5
Gran Turismo 7 verrà rinviato? Sony avrebbe cancellato un evento
Star Wars: Knights of the Old Republic, nuovo gioco in sviluppo senza EA?
Abandoned: un file audio nascosto rivela la verità sul progetto?
Fable e Gears of War: delle remastered sarebbero in sviluppo
Zelda 64: il porting su PC di un fan sarebbe quasi completo
Warcraft 3: un modder sta realizzando la remaster della campagna
FIFA 22: ecco i centrocampisti TOTY disponibili nei pacchetti
Dark Souls: i server creavano vulnerabilità ai PC, FromSoftware al lavoro
Elden Ring: FromSoftware svela la durata della campagna principale
Assassin’s Creed: Desmond sarebbe potuto finire nello spazio
Elden Ring non subirà rinvii, arriva un nuovo video gameplay
League of Legends copiato? Riot Games fa causa a uno sviluppatore
Apple assumerebbe ingegneri di Xbox, in arrivo una nuova console?
Battlefield 2042 starebbe per diventare gratis, arriva un report
Pokimane contro Ninja, battaglia legale in arrivo per gli streamer di Twitch?
Next
Prev

Krafton, sviluppatore famoso per aver dato forma a PUBG: Battlegrounds, noto battle-royale che nel corso di questi lunghi mesi ha saputo conquistare milioni di videogiocatori in tutto il mondo, ha recentemente fatto causa ad Apple, Google e alla società di giochi Garena per alcuni titoli identificati come palesi cloni di PUBG: Battlegrounds.

Nella causa la compagnia Garena viene accusata di aver creato due cloni di PUBG, ovvero Free Fire e Free Fire Max, sviluppati a Singapore e successivamente rilasciati anche negli Stati Uniti. Apple e Google sono invece state citate nella causa per aver venduto delle “versioni palesemente illecite” di PUBG: Battlegrounds. In particolare, nella nota legale è possibile leggere:

Come spiegato nel dettaglio qui di seguito, Free Fire e Free Fire Max copiano ampiamente numerosi aspetti di Battlegrounds, sia individualmente che in combinazione, tra cui l’esclusiva funzione “air drop” del gioco protetta da copyright, la struttura ludica dell’esperienza, comprese varie meccaniche, la selezione di armi, armature e oggetti unici, oltre alla similarità di mappe e della scelta per quanto riguarda le combinazioni di colori e texture.

Apple e Google sono accusate di aver distribuito centinaia di milioni di copie di Free Fire, di aver fatto guadagnare a Garena centinaia di milioni di dollari e di aver conseguentemente ottenuto una notevole quantità di entrate.

pubg causa apple google

Le app di Garena avevano raggiunto più di 100 milioni di utenti verso la fine del 2019 e nel 2020 Garena aveva affermato che Free Fire era il gioco per dispositivi mobile più scaricato di sempre a livello globale. Krafton stima che Garena abbia guadagnato più di 2 miliardi di dollari solo nel 2020, di cui 100 milioni di dollari provenienti dagli Stati Uniti.

Già il 21 dicembre 2021 Apple venne avvertita per le infrazioni dei diritti a cui Free Fire era andata incontro, ma la società non prese alcun provvedimento. Conseguentemente, Krafton chiede ora di essere risarcito per danni e per i profitti che Apple e Google hanno ottenuto dalla vendita di Free Fire, il tutto nel mentre che il gioco continua la sua corsa tra un aggiornamento e l’altro.

Fonte:

Game Legends Stories

Trending
ISCRIVITI ALLA NOSTRA

Login
Loading...
Sign Up

New membership are not allowed.

Loading...