fbpx

Resident Evil 2 Remake – Guida per capire quando gli zombie sono morti (definitivamente)

Dal giorno della sua uscita Resident Evil 2 Remake è stato accolto calorosamente da fan e non del genere e della saga. Con la guida di oggi...

  • Home
  • Games
  • Guide
  • Resident Evil 2 Remake – Guida per capire quando gli zombie sono morti (definitivamente)

Dal giorno della sua uscita Resident Evil 2 Remake è stato accolto calorosamente da fan e non del genere e della saga. Con la guida di oggi andremo a soffermarci su un aspetto del titolo che Capcom sembra avere molto caro. Infatti, girovagando per Racoon City, è possibile incappare in dei “tranelli” tesi da zombie che sembrano morti ma che invece sono più che vivi (per modo di dire).

Ovviamente è molto seccante incontrare dei non morti che appena sentono arrivare il nostro Leon, o la nostra Claire, si alzano in piedi e cominciano a chiedere insistentemente di essere trivellati di proiettili (che proprio in quel momento mancano nel nostro inventario). A questo proposito, di seguito, troverete dei consigli utili per evitare di trovarvi in questa scomoda situazione, o per lo meno per sapere come affrontarla al meglio.


Prima di proseguire vi ricordiamo che per tante altre informazioni su Resident Evil 2 Remake potete dare un’occhiata a tutte le nostre guide consultabili e a vostra completa disposizione, presenti sul nostro sito GameLegends.it link a seguire:

[catlist = taxonomies_and=”giochi:{resident-evil-2-remake};category:{guide}” excludeposts=”this” title_limit=”31″ numberposts=-1]

Proseguiamo con la guida.

resident evil 2 remakeUsare cervello e coltello, in questo ordine

Come sicuramente immaginerete, durante una crisi zombie non c’è chissà quanto tempo per cercare proiettili in giro, quindi è importante preservare i pochi colpi che Raccoon City ci mette a disposizione. Fortunatamente il RPD è solito dotare i suoi agenti di un utile coltello. Con quest’ultimo sarà più facile scoprire gli zombie stesi a terra a schiacciare un pisolino, infatti colpendo un corpo sospetto questo si alzerà (se si tratta di un caso del genere sopra citato).

Tuttavia è giusto non esagerare con l’uso del coltello, poiché ad ogni colpo questo si danneggerà leggermente, quindi non è consigliato andare in giro per le strade della pittoresca cittadina ad accoltellare qualunque cosa sia appena leggermente fuori posto. Insomma usate il coltello, ma con il dovuto criterio, una lama spezzata non servirà a molto in caso di attacco.

resident evil 2 remakeMira alla testa, e nel dubbio falla esplodere

Se c’è un metodo davvero efficace per capire se uno zombie è morto o non-morto questo è sicuramente fargli saltare la testa (vien da se che questo, oltre ad essere un metodo ovvio, è anche pittoresco e divertente). Per poter padroneggiare questo stile di garanzia ci sono tre metodi principali:

Un colpo preciso (o di fortuna): Come abbiamo più volte detto, sprecare proiettili in Resident Evil 2 Remake non è la migliore delle idee, quindi è bene allenarsi un po’ con i colpi alla testa, magari usando proprio gli zombie “addormentati” come bersagli per fare pratica. Assicurarsi che uno zombie mente è facile, se la sua testa fa POP allora non c’è da preoccuparsi, se invece si alza in piedi evidentemente è uno di quelli a cui piace scherzare.

Una combo di headshots: Rimanendo sul tema “teste”, un ottimo metodo per assicurarsi che uno zombie rimanga con la faccia ben piantata a terra, è sicuramente quello di rendere la sua testa uno scola pasta con una vera e propria pioggia di headshots. Purtroppo però gli zombie di Raccoon City sono duri a morire infatti la vostra precisione li farà barcollare e cadere, ma raramente li ucciderà, quindi quando stramazzano al suolo sorpassateli finché vi è consentito farlo.

Usare armi potenti: A volte la risposta più efficace è anche quella più ovvia, infatti se i non morti persistono nel rimanere tali, l’unica soluzione davvero valida è quella di usare armi più forti (come ad esempio il Lanciagranate di Claire o il fucile a pompa di Leon).

Resident Evil 2 RemakeGiocare con le cuffie, ma non per l’atmosfera

Quest’ultima soluzione non piacerà ai molti “cuor di leone”, infatti un altro metodo per capire se uno zombie è vivo o morto è quello di affinare ed usare il proprio senso dell’udito, tramite delle cuffie (che in un horror come Resident Evil 2 Remake sono l’ideale), e ascoltare se gli zombie che stendete, o a cui fate saltare la testa, emettono uno specifico rumore (simile ad uno SPLORCH).

Nel caso sentiate questo rumore dopo aver steso un non morto e avergli sparato il famoso “doppio colpo” di sicurezza (come insegna il film “Zombieland“) allora potete stare tranquilli che quel morto resterà tale e potete procedere in sicurezza verso il prossimo cadavere sospetto.

Queste semplici, ma efficaci, metodologie sono solo alcune delle strategie utilizzabili per muoversi lungo le impervie strade di Racoon City. Vi invitiamo a dare un’occhiata anche alle altre nostre guide inerenti a Resident Evil 2 Remake. Inoltre ricordiamo che il titolo è disponibile per l’acquisto su PlayStation 4, Xbox One, e PC.

Game Legends Stories

ISCRIVITI ALLA NOSTRA

Login
Loading...
Sign Up

New membership are not allowed.

Loading...