fbpx

Song of Farca – Recensione di un nuovo punta e clicca a tema cyberpunk

La nostra recensione di Song of Farca vi spiegherà perché questo nuovo titolo punta e clicca merita assolutamente la vostra attenzione.

  • Home
  • Games
  • Recensione
  • Song of Farca – Recensione di un nuovo punta e clicca a tema cyberpunk

Siete alla ricerca di un prodotto videoludico carico di misteri, indizi da seguire e un gameplay semplice ma soddisfacente? In questa recensione vi spiegheremo perché Song of Farca è il titolo che può interessarvi. L’indie di Wooden Monkeys è un punta e clicca ambientato in un mondo cyberpunk, un futuro non troppo lontano dal nostro presente, in cui computer e intelligenza artificiale gestiscono l’equilibrio della società. Il nostro ruolo è quello di investigare su commissione: nei panni della giovane Isabella Song ci ritroveremo ad analizzare dati, scovare indizi e risolvere – in modo più o meno completo e più o meno legale – ciò per cui siamo stati pagati.

Nell’era della tecnologia, hackerare e violare la privacy di telecamere, PC e mail è alla base della ruotine della giovane protagonista. Al suo fianco, attraverso i suoi strumenti e la sua arguzia, abbiamo il potere di distruggere o di essere distrutti dalle nostre stesse indagini. L’atmosfera generale dell’ambientazione, le dinamiche di gameplay e la predominanza dell’elemento investigativo ci hanno molto ricordato il titolo Don’t Forget Me recensito solo qualche mese fa. Ne abbiamo avvertito le stesse intenzioni – in parte con una similare critica alla società – e allo stesso tempo ne abbiamo apprezzato anche la caratterizzazione politica, di spicco in entrambi i videogiochi. Nel corso della nostra recensione vi spiegheremo cosa ci ha particolarmente convinto in Song of Farca e cosa ci è sembrato meno curato e di conseguenza di minor impatto sul giocatore.


L’adrenalina di essere investigatori privati

Partiamo dall’ambientazione, dallo stile grafico e da come tutto ciò sia legato al mondo in cui è inserita la narrazione di Song of Farca. Trattandosi di un normale indie – limitato in parte dal budget a disposizione – abbiamo molto apprezzato la tipologia d’illustrazioni all’interno dell’intero prodotto. Ma osserviamo bene il modo in cui lo schermo del gioco è composto: nella parte superiore si trova una sezione lunga e stretta che rappresenta il piccolo appartamento di Isabelle, nella sezione inferiore osserviamo il suo PC ed è solo lì che possiamo realmente interagire. L’appartamento di Izy è rappresentato solo per contestualizzare il racconto e non farci alienare dalla situazione, una scelta molto dolce e capace di farci creare quasi un legame con la protagonista e il suo spazio personale.

Ma a livello pratico, il lato interessante è quello del suo monitor: su di esso la grafica non è 3D bensì in 2D e con uno stile molto fumettistico, indubbiamente perfetto per il tipo di racconto che il titolo Wooden Monkeys ha voluto proporci. Non solo tutto il lato artistico è particolarmente curato ma è anche accompagnato da una sistemazione dell’HUD a dir poco interessante, capace di farci sentire davvero degli investigatori con i propri assi nella manica, tenuti nascosti dal resto del mondo. La nostra rete di contatti da interrogare si aggiorna per ogni caso sulla destra, le mail sono sulla sinistra, impostazioni e musica – sei soundtrack tra cui scegliere autonomamente – sono in alto. La gestione è stata resa semplice ma soddisfacente allo stesso tempo, permettendo al giocatore di vagare facilmente tra le finte applicazioni e le cartelle.

Song of Farca recensione

Tutto risulta chiaro e a portata di mano ma non così tanto da rendere l’intero gioco una successione di click automatici: le dinamiche di gioco si incentrano su interrogatori, sistemi hackerati e analisi delle informazioni reperite nel corso delle nostre solitarie indagini. Più di una volta ci siamo ritrovati a dover ripercorrere i nostri passi, riosservare gli avvenimenti e discutere nuovamente con i contatti a nostra disposizione. Se i primi passaggi di ogni caso risultano più logici e naturali – quasi semplici – proseguendo nella fase più complessa delle conversazioni la risoluzione risulta sempre meno intuitiva di quanto non appaia in un primo momento. Da menzionare che l’elemento linguistico non aiuta: purtroppo se non si possiede una buona conoscenza della lingua inglese sarà complicato riuscire a proseguire nella trama.

A parte questi piccoli elementi, il gameplay non è assolutamente difficile da gestire. Anzi, forse nella sua semplicità potrebbe finire per annoiare i più esperti di punta e clicca alla ricerca di situazioni meno intuitive e su cui spendere più tempo. In linea generale ci siamo goduti l’intera esperienza videoludica in modo molto positivo, trovandoci intrattenuti al punto giusto e anche più di quanto ci saremmo aspettati.  Per quanto riguarda le lunghe conversazioni via PC è necessario ricostruire bene ogni situazione, ripercorrere gli indizi trovati nel corso della storia e riproporli alla persona da minacciare o da convincere a collaborare. Song of Farca recensione

L’unico caso in cui Song of Farca finisce per frustrare il giocatore è quando si tratta di enigmi: spesso avremo bisogno di password che dovremo ricavare da immagini, disegni e simboli molto poco chiari. Forse volutamente – e sproporzionatamente – meno intuitivi di tutto il resto dell’avventura. Il videogioco riesce a intrattenere per un paio d’ore e sprona il giocatore a scoprire quanto più possibile, nella speranza di non perdere neanche un solo elemento utile. Abbiamo apprezzato l’impegno profondo degli sviluppatori che hanno indubbiamente ideato uno splendido progetto e hanno cercato di sfruttare al massimo le potenzialità del titolo: è un indie che merita veramente l’attenzione degli amanti dei punta e clicca, pur non essendo poi chissà quando intricato. Speriamo di vedere altro di Wooden Monkeys in un futuro non troppo lontano.

Game Legends Stories

Recensione
  • Song of Farca
    7.5Voto Finale

    Song of Farca è un prodotto indie sviluppato da Wooden Monkeys configurabile nel genere dei punta e clicca e ambientato in un mondo cyberpunk in cui il nostro ruolo sarà quello di guidare le azioni di una giovane Isabelle Song: investigando su commissione, scopriremo continuamente segreti oscuri e spiacevoli. Non solo sarà importante scovare quanti più dettagli possibili - per comprendere ogni dettaglio di ogni evento -, ma saranno fondamentali le nostre scelte ai fini della trama. Un prodotto piuttosto di nicchia, semplice in alcune sue componenti (come quella grafica) ma piuttosto funzionale e capace d'intrattenere per la sua intera durata, che ruota intorno alle 5/7 ore; brillante dal punto di vista della narrazione e capace di mettere in fibrillazione il giocatore alla scoperta della verità dietro ogni caso. Un prodotto consigliato, ma con riserva: se non siete amanti di misteri e hacking, Song of Farca non fa per voi. Altrimenti, benvenuti nella caotica -e letale - stanza della protagonista Izy. Altra discriminante da menzionare: l'intero titolo è in inglese, ragion per cui se non possedete una buona conoscenza della lingua sarà alquanto difficile proseguire nei momenti cruciali della trama.

    ISCRIVITI ALLA NOSTRA

    Login
    Loading...
    Sign Up

    New membership are not allowed.

    Loading...