fbpx

The Last of Us Parte 2 è stato vietato in Medio Oriente

Recentemente è emerso che The Last of Us Parte 2 è stato proibito in Medio Oriente a causa di troppe scene di nudo e contenuti LGBTQ.

  • Home
  • Games
  • News
  • The Last of Us Parte 2 è stato vietato in Medio Oriente

È stato confermato che The Last of Us Parte 2 sarà vietato in Medio Oriente e non arriverà quindi sul mercato di molte delle nazioni che ne fanno parte. Ciò a causa di contenuti LGBTQ presenti nel gioco, nonché di scene di nudo, che vanno contro le ormai conosciute politiche della regione. L’atteso titolo di Naughty Dog non sarà quindi disponibile in Algeria, Arabia Saudita, Egitto, Israele, Iraq, Iran, Giordania, Libano, Libia, Marocco, Kuwait, Siria, Tunisia, Yemen, Qatar, Oman, Emirati Arabi e Palestina.

Tutto questo è emerso dalla risposta del supporto tecnico di PlayStation ad un utente che si chiedeva il motivo per cui il gioco non fosse prenotabile negli store dei paesi appena citati. Si parla di una vendita futura in versione censurata, ma sembra un’ipotesi abbastanza azzardata e non ci sono ancora notizie ufficiali in merito. In attesa di ulteriori novità, vi ricordiamo che il titolo arriverà su PlayStation 4 il prossimo 19 giugno e sarà protagonista del prossimo State of Play.

Potete trovare tutta la copertura E3 2021 sul canale Twitch ufficiale di Cyber Mill.

Troverete tutte le news su GameLegends.it e Monkeybit.it

ISCRIVITI ALLA NOSTRA

Login
Loading...
Sign Up

New membership are not allowed.

Loading...